Una guida sul funzionamento dei compressori ad aria a vite

Affidabili, versatili e tecnologicamente all’avanguardia. Sono i compressori ad aria a vite che rappresentano per le aziende una soluzione ampiamente vantaggiosa in termini di capacità produttiva giornaliera.

Nella guida di oggi cercheremo di spiegare quali principi e logiche guidano questi dispositivi ed evidenziare tutti i vantaggi legati al loro utilizzo.

Principi di funzionamento dei compressori ad aria a vite

L’ipotesi compressori a vite viene presa in considerazione dalle aziende che hanno investito in un impianto di distribuzione ad aria compressa quando emerge la necessità di eseguire operazioni industriali complesse e pesanti che richiedono macchinari robusti.

Le principali destinazioni d’uso di questo prodotto si trovano nel settore automobilistico, manifatturiero, aerospaziale, edile e molto altro.

Il funzionamento dei compressori a vite di tipo rotativo sfrutta movimenti rotatori per comprimere l’aria: nel compressori ci sono due rotori, uno femmina e uno maschio, progettati in maniera da funzionare simultaneamente.

Mentre il rotore femmina ha lobi concavi quello maschio li ha convessi e in numero inferiore ai primi, questo gli permette di ruotare con maggiore rapidità guidando in un certo senso il movimento del rotore femmina.

Le fasi del funzionamento dei compressori a vite

Il funzionamento della vite si articola in sei step:

  1. la valvola si apre e aspira il gas presente nella camera de compressore; quando il compressore è in funzione i due rotori presenti si muovono ruotando ad una velocità alta;
  2. l’aria viene costretta nello spazio presente tra i due rotori;
  3. il volume della camera si riduce e questa si allontana dalla valvola di apertura e, contemporaneamente, la pressione cresce;
  4. la pressurizzazione fa in modo che l’aria si condensi. La pressione dell’aria fa aprire la valvola di scarico facendo in modo che l’aria pressurizzata passi in un serbatoio o in un ricevitore;
  5. a questo punto l’aria compressa e può essere utilizzata per soddisfare le necessità dell’azienda.

Compressori ad aria a vite: i vantaggi

Abbiamo citato all’inizio il grande vantaggio del funzionamento continuo e delle ottime prestazioni anche in condizioni avverse (vedi ambienti dove le temperature sono “estreme”), elenchiamo di seguito gli altri vantaggi dei compressori ad aria a vite:

  1. scarsa rumorosità legata alle dimensioni ridotte e all’assenza di parti in movimento;
  2. efficienza energetica: la produzione di calore è più bassa e la maggiore capacità di conservare energia permette a questi compressori di disperdere meno nel corso del tempo;
  3. manutenzione molto semplice.

I modelli di compressori ad aria a vite

È possibile distinguere tra due modelli di compressori ad aria a vite, quelli lubrificati ad olio e quelli a secco.

I compressori a vite lubrificati ad olio sfruttano il lubrificante che si trova nella camera di compressione per lubrificare e rendere più freddo il compressore.

Anche in questo caso il livello di rumore prodotto è contenuto: tale vantaggio è reso possibile dalla presenza dell’olio sulla guarnizione che va a formare una sorta di patina.

Questo modello di compressore a vite è resistente, affidabile e particolarmente performante ed è per questo che viene sfruttato in molti processi produttivi.

Inoltre, la presenza di filtri ed essiccatori rende questo modello adatto ad attività di gestione rifiuti, estrazioni, riciclaggio e molto altro.

Abbiamo infine i compressori ad aria a vite a secco. Come si può facilmente intuire dal nome, il funzionamento di queste macchine non prevede l’uso di olio e quindi non abbiamo nessun rischio di contaminazione.

L’aria compressa che viene prodotta è chiaramente più pura. I compressori a vite a secco sono pertanto la soluzione migliore in tutti quei contesti dove la purezza e la qualità dell’aria sono un fattore cruciale.

Dove anche la più piccola particella o il più piccolo contaminante rischierebbero di compromettere il processo produttivo e, in ultima analisi, la qualità del prodotto finale non prendete in considerazione altre soluzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *