Sta per partire a Lazise il "Progetto biodiversità", portato avanti dall'associazione Corte dei Miracoli di Verona. L'obiettivo? Contrastare la cultura dei diserbanti e antiparassitari chimici sul nostro territorio, con la conversione a biologico un vasto terreno a Colà di Lazise.

Uno scrigno di biodiversità ai piedi del castello di Montorio: non un semplice vigneto ma un luogo dove sperimentare e recuperare tradizioni antiche e pratiche rispettose della natura. L'ha fondato nel 2001 Laura Tinazzi, perito agrario che, ormai un anno fa, ha ricevuto a Roma il premio "De@Terra-Donne rurali e innovazione".

Un'iniziativa di formazione­ e contro-­informazione sul tema "Semi, Diritti e Giustizia" si terrà sabato 14 marzo dalle 9 alle 18, promossa da varie associazioni del territorio veronese e rivolta a tutti i cittadini, con ospiti importanti come Riccardo Petrella e Massimo Angelini.

L'Alta Velocità sconvolgerà il territorio già martoriato tra le province di Brescia e Verona. Anche la piccola oasi naturale del Lago del Frassino, a Peschiera del Garda, rischia di scomparire – denunciano in un comunicato congiunto le associazioni animaliste e ambientaliste del territorio, che hanno organizzato una passeggiata di protesta popolare il 14 febbraio dalle 14.

Secondo la leader del movimento contro gli organismi geneticamente modificati l'agricoltura transgenica ha costi molto superiori rispetto a quella tradizionale. Senza contare il grave rischio di contaminazione.

Pagina 1 di 3

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.