TAV Brescia-Verona: grande opera da Striscia la Notizia

By Dicembre 15, 2014 1397 No comment
|| || ||

Lunedì, nella sala stampa del comune di Verona, il comitato "Cittadini contro il disastro TAV" ha fatto il punto della situazione sulla TAV ed in particolare sui fondi necessari per finanziare questa grande opera. Secondo il ministro Lupi, la copertura economica per realizzare l'opera c'è ma la documentazione ufficiale lo smentisce.

"Abbiamo aspettato una decina di giorni per vedere se, per i soldi che il ministro Lupi ha detto essere disponibili per il progetto dell'Alta Velocità Brescia-Verona, veniva pubblicata la documentazione di quanti effettivamente sono e da dove arriveranno ma non si è visto niente", ha dichiarato il coordinatore del comitato "Cittadini contro il disastro TAV" Daniele Nottegar.


Gli unici documenti disponibili quindi sono gli atti ufficiali disponibili sul sito del Ministero dei Trasporti nel quale si legge che, secondo il Contratto di Programma 2012-2016, la tratta Brescia/Verona presenta un costo di 3.954 milioni di euro, dei quali risultano disponibili ad oggi solo 768 milioni di euro. Mille milioni saranno disponibili nel 2016 e la restante parte (2186 milioni) in un futuro non ben identificato.


Il costo dell'opera è inoltre lievitato dagli iniziali 2747 milioni di euro (come riportato nel XIII Allegato Infrastrutture al Documento di Economia e Finanza approvato nello scorso aprile per la tratta BS-VR). "Tralasciando per un attimo la mancanza di fondi per la realizzazione dell' opera – commenta Nottegar – ci è difficile capire come mai, con la sola aggiunta del collegamento della linea di Alta Velocità BS-VR all'aeroporto di Montichiari, il costo sia lievitato di 1207 milioni di euro. Tra l' altro l' aeroporto di Montichiari non ha trasporto passeggeri, ma è solo hub per trasporto lettere e plichi postali, per cui non si capisce il motivo di tale collegamento.


Sempre nello stesso contratto di programma 2102-2016, per il nodo di Verona si prevede un costo di 180 milioni, ma "di questi risultano disponibili solo 2 milioni di euro – continua Nottegar – mentre non risultano fondi disponibili per il collegamento ferroviario tra l'aeroporto di Verona e la stazione di porta Nuova (costo previsto 90 milioni). Quindi, con questi presupposti, non vediamo come la TAV possa rappresentare un' occasione di sviluppo per Verona, come molti parlamentari veronesi del PD continuano a ripetere".


A ciò si aggiunnge la dimenticanza della valutazione ambientale sulle terre da scavo per cui è stata pubblicata "una integrazione volontaria" il 12 dicembre. "Di volontario c'è ben poco – commenta Nottegar - visto che non avevano rispettato quanto previsto dal DM 161/2012.
"La verità è che questa sarà un' opera da 'Striscia la Notizia' – conclude Nottegar - visto che con i pochi soldi disponibili inizieranno i lavori per la galleria di Lonato e quella del Frassino e poi si fermeranno, lasciando queste due cattedrali nel deserto che serviranno solo alla popolare trasmissione per l' ennesima denuncia di spreco di denaro pubblico".

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 18 Dicembre 2014 12:11

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.