Ecomondo 2014, Bio Soil Expert cresce per la sicurezza agricola e idrogeologica

|| || ||

L'anno scorso erano stati segnalati per il premio Sviluppo sostenibile, quest'anno i tre giovani veronesi fondatori dell'azienda Bio Soil Expert sono tornati ad Ecomondo Rimini con uno stand tutto loro, dove hanno presentato il nuovo prodotto Agri-BioBed: la soluzione biologica per depurare terreni e aziende agricole dai residui di pesticidi.

Nata come start-up alla fine di un percorso di studi comuni in biotecnologie, Bio Soil Expert continua a crescere e a farsi conoscere come soluzione innovativa ai problemi delle frane e dell'inquinamento del suolo. La sede dell'attività è a Rovereto (TN), dove gli startupper hanno trovato l'incubatore d'impresa che li aiutasse a sviluppare lo loro idea, ma i fondatori sono 100% veronesi: Alberto Ferrarese (di San Bonifacio), Paolo Campostrini (Sant'Anna d'Alfaedo) ed Andrea Zerminiani (Mozzecane), tutti sui trent'anni.


L'innovazione che Bio Soil Expert porta in campo si basa sull'utilizzo si piante e microorganismi in grado di migliorare lo stato dei terreni, sia in caso di dissesto idrogeologico (grazie a particolari radici drenanti) sia in caso di terreni che necessitano di bonifiche da inquinanti.


"E' già il terzo anno che partecipiamo come espositori a Ecomondo, nell'area della provincia autonoma di Trento, e siamo molto contenti dei risultati di questa edizione – ci ha raccontato Alberto Ferrarese - C'è stato particolare interesse da parte di numerosi interlocutori (geologi, agronomi ma anche enti pubblici), dovuto alla particolare attualità in questi giorni di problematiche legate a frane ed alluvioni".


Grazie a soluzioni come "Erosion Control" infatti, la Bio Soil Expert si propone come fornitore e consulente in particolare per pubbliche amministrazioni e istituzioni, nel tentativo di tamponare i problemi legati al dissesto idrogeologico: "Si tratta di piante erbacee perenni e specifici microrganismi del suolo che sono in grado di sviluppare in breve tempo, attraverso gli apparati radicali, una vera e propria rete profonda e resistente per il consolidamento dinamico del suolo ed il mantenimento del corretto assetto idrogeologico del terreno – spiegano – Abbiamo già svolto importanti lavori per la Provincia di Verona, la regione Emilia Romagna, consorzi di bonifica in Trentino o la Società Autostrade: siamo fiduciosi che dopo Rimini si sviluppino altri contatti interessanti dal nord al sud d'Italia".


Un'azienda a servizio della comunità quindi, che tra i settori di attività comprende anche la possibilità di bonificare i siti inquinati da metalli pesanti, pesticidi e altre sostanze contaminanti. "Anche in questo caso vengono in nostro aiuto particolari piante e microrganismi in grado di degradare e assorbire residui inquinanti dai terreni. Parte delle potenzialità sono indirizzate anche in questo caso alle bonifiche di aree pubbliche (con FitoBioRemedio ad esempio, che ci è valso il premio alla D2T business plan competititon di Trento).


Come ampliamento di questa soluzione è nato Agri-BioBed, con cui ci rivolgiamo anche ai privati, come le aziende agricole che abbiano necessità di depurare terreni contaminati da sversamento di pesticidi e agrofarmaci". Si tratta di un sistema filtrante biologico – spiegano – utile in particolare in caso di perdite dei macchinari, o di gestione non corretta di pesticidi e altre sostanze chimiche o per eliminare le acque di lavaggio. Può essere realizzato in un'area specifica di pochi metri: si posiziona uno strato impermeabile profondo (anche costituito da argille) e sopra la combinazione di piante e microrganismi che andranno poi a costituire un manto erboso totalmente mimetizzato ma capace di scomporre e degradare le sostanze inquinanti.


In un periodo in cui il nostro Paese sta affrontando importanti problemi legati al dissesto idrogeologico, con il decreto "Italia Sicura" in discussione che dovrebbe stanziare circa nove miliardi di euro, questa giovane azienda veronese dimostra come le soluzioni possano arrivare anche dalla stessa natura, e dall'intraprendenza di attività nuove come questa che ci fanno ben sperare per il futuro.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 13 Novembre 2014 16:35

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.