Alta Velocità sempre più vicina, inizio lavori entro il 2015

|| || ||

L'Alta Velocità non si ferma. Il Governo nella nuova legge di Stabilità ha previsto uno stanziamento di 1,5 miliardi di euro per la tratta Brescia-Verona della Tav, che si aggiungono ai 700 milioni incassati dallo Sblocca Italia e che finanzia l'opera per oltre due terzi. I vertici del ministero hanno confermato che la strada è segnata: il tracciato non si cambia e al più presto devono essere aperti i lavori.

Sul tema per il 6 novembre è convocata una conferenza dei servizi a Roma, al ministero delle Infrastrutture. L'obiettivo è iniziare i lavori entro l'estate del 2015.


Un'accelerazione improvvisa che spiazza e preoccupa i Comuni su cui passerà la linea dell'alta velocità. Oltre a Verona, lambita da soli 120 metri di tracciato, nella provincia scaligera la Tav passerà nei territori di Peschiera, Castelnuovo, Sona, Sommacampagna, a cui si aggiungono altri cinque Comuni nel Bresciano (Calcinato, Mazzano, Lonato, Desenzano e Pozzolengo) per 72 chilometri, in cui sono previsti anche gallerie e un viadotto sul Mincio, nei pressi dell'autostrada A4 vicino a Peschiera.


Un profondo impatto ambientale sul territorio su cui molti Comuni stanno dando battaglia a suon di assemblee pubbliche e consigli comunali in cui si esprimono pareri negativi sul progetto. Tra i più preoccupati del piano ci sono Peschiera e Sona. Il sindaco del Comune gardesano, Orietta Gaiulli, in particolare, si è detto pronto ad incatenarsi ai binari pur di fermare la Tav in difesa del territorio.


A lamentarsi della Tav ci sono anche molte imprese, a partire da quelle vitivinicole e in particolare quelle che tra Peschiera e il Bresciano producono il pregiato vino Lugana. In quest'area per costruire la linea di treni veloci verranno sacrificati 80 ettari di vigneti.


Ogni Comune coinvolto ha messo sul tavolo il proprio "pacchetto" di problemi e i relativi "paletti" al progetto: ognuno ha tempo fino ai primi di novembre per far pervenire le osservazioni, che possono essere fatte solo sulle integrazioni che Cepav Due (il Consorzio Eni per l'alta velocità che deve realizzare la linea) ha fatto pervenire a fine settembre.


Molti paesi puntano il dito anche contro la valutazione di impatto ambientale, che risale al lontano 2003 e ormai non più fedele ai lavori che verranno realizzati. Ma una nuova Via non verrà fatta, se non ci saranno nuovi colpi di scena sulla vicenda.


Della Tav nel Comune di Verona si era iniziato a parlare nel lontano 1993. Da allora un lungo periodo di silenzio, fino al 2003, quando era stato approvato dal Cipe, Comitato interministeriale di programmazione economica. Poi per problemi di burocrazia è stato accantonato e mai pubblicato nella Gazzetta ufficiale. Il progetto quindi è rispuntato fuori recentemente. Negli uffici tecnici di palazzo Barbieri ora si dovranno studiare le carte per capire il reale impatto ambientale dell'opera che sfiora il territorio comunale, interessato per 120 metri.

 

Ben più pesanti potrebbero invece essere le conseguenze per gli altri paesi compresi tra il Basso Garda e le colline moreniche. I Comuni sperano nelle osservazioni che presenteranno nei prossimi giorni e avere così alcune armi al proprio arco per combattere una battaglia contro un progetto che rischia di rivoluzionare per sempre un territorio.

 

Per maggiori informazioni e per contattare i Comitati locali NO-TAV visitate le pagine Facebook:

NO TAV Sona Sommacampagna 

NO TAV Castelnuovo del Garda

 

 

Photo credit: Radiondadurto.org

 

 

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 23 Ottobre 2014 10:29

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.