No Tav, il TAR del Lazio respinge il ricorso

|| || ||

Il TAR del Lazio ha rigettato il ricorso presentato dal Coordinamento No Tav Brescia-Verona insieme ad altri 60 soggetti tra associazioni locali e nazionali, aziende e privati cittadini. Ora si va al Consiglio di Stato.

Il ricorso al Tar era stato presentato contro diversi provvedimenti: a partire dal decreto con cui si dava il via libera al Cipe per l’approvazione del progetto definitivo e per la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera, passando per la delibera per l'ennesima reiterazione del vincolo di esproprio presente sulle proprietà interessate a partire dal 2001, fino ad arrivare al decreto che aveva espresso il parere di compatibilità ambientale (VAS).

 

"La sentenza del TAR Lazio a nostro parere non è condivisibile - commenta il Coordinamento No Tav in un comunicato - quindi verrà appellata al Consiglio di Stato. Chiederemo inoltre l’intervento della Corte di Giustizia Europea. Ma come avevamo già detto lo scorso 9 gennaio, al di là del risultato, sapremo con sempre più determinazione portare avanti le ragioni della nostra lotta, anche avvalorati dall'ennesima dimostrazione che gli interessi dietro questo progetto riescono a superare anche la legge stessa. Ma non per questo ci arrenderemo".

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Venerdì, 12 Maggio 2017 14:15

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.