Pescantina Rifiuti Zero? Impegno continua

|| || ||

Il Comune di Pescantina continua a lavorare per ottimizzare la sostenibilità della gestione rifiuti. Con questo obiettivo ha organizzato un incontro venerdì scorso, 20 febbraio, per costituire un gruppo che formuli idee a supporto dell'amministrazione. Sono state annunciate anche alcune importanti iniziative in partenza nei prossimi mesi.

Come avevamo anticipato nel nostro articolo di fine novembre (vedi link), Pescantina ambisce a diventare Comune Virtuoso e si è già messa al lavoro per ottenere questo status. Recentemente infatti il comune ha aderito al "Patto dei Sindaci", l'iniziativa europea per coinvolgere le autorità locali e regionali per aumentare l'efficienza energetica e l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori (www.pattodeisindaci.eu): ci saranno quindi una serie di obiettivi da rispettare e raggiungere nel prossimo futuro.


L'incontro di venerdì sera è stato l'occasione per riunire gli interessati a partecipare attivamente alle iniziative che il Comune vuole mettere in campo, condividendo insieme a tutta la cittadinanza, le associazioni del territorio e le forze politiche le questioni che coinvolgono il paese sui temi legati all'ecologia, alla cura dell'ambiente e alla gestione dei rifiuti.


Tra gli obiettivi del Comune, individuare scelte e strategie che permetteranno di arrivare al traguardo dei "Rifiuti zero" entro il 2020, partendo dalla attuale quota del 75% di raccolta differenziata. L'obiettivo è dell'83% entro il 2015, che dovrebbe raggiungere poi il 90 entro il 2016.


Alcune importanti iniziative che entreranno in vigore dal 1° giugno prossimo nell'ambito del progetto "Programma Zero" sono state annunciate dal sindaco Luigi Cadura insieme alla vice-sindaco Paola Zanolli e a Mario Ferrari, che ha la delega all'Ambiente, con un risparmio per il Comune stimato in 50.000 euro all'anno. Tra queste, la raccolta del rifiuto secco indifferenziato che - come avevamo già annunciato - passerà da cadenza settimanale a quindicinale: nonostante la perplessità dei partecipanti, tra cui l'associazione Pescantina Comune Virtuoso e il Movimento 5 Stelle locale. Il M5S è critico anche sulle modalità dell'incontro: "Purtroppo dobbiamo segnalare con nostro profondo rammarico la scarsa adesione di partecipanti. Praticamente, l'amministrazione parla da sola".

 

Un'altra novità riguarda l'avvio della tariffazione puntuale tramite microchip, che dovrebbe partire nello stesso periodo, facendo risparmiare quindi le famiglie più "riciclone".

Migliorie anche per le ecofeste: "In questi giorni – ha spiegato il sindaco Cadura – ci siamo riuniti assieme ai comitati responsabili dell'organizzazione delle sagre estive e si è deciso di usare stoviglie, posate e bicchieri riutilizzabili o in materiale riciclabile. Riunire i comitati e condividere tale scelta permetterà di risparmiare sull'acquisto dei materiali e diminuirà drasticamente l'impatto di tali manifestazioni. Condivisione e trasparenza sono le linee programmatiche che vorremmo caratterizzassero l'operato della nostra amministrazione", ha concluso Cadura.


Durante la serata sono state avanzate alcune proposte, che verranno sviluppate quando il gruppo di lavoro diventerà operativo: tra queste, vietare su tutto il territorio l'uso di bicchieri di plastica negli esercizi che distribuiscono bevande, incentivare l'uso di pannolini lavabili negli asili e nella Casa di Riposo, fare informazione nelle scuole ma anche con serate pubbliche, educando i ragazzi e i cittadini ad effettuare correttamente la raccolta differenziata.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 23 Febbraio 2015 19:21

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.