Alto Garda, al via la raccolta puntuale in alberghi di quattro comuni

|| || ||

È partita in questi giorni la raccolta sperimentale con microchip in alcune strutture alberghiere dell'alto Lago di Garda: un servizio all'avanguardia, pioniere in provincia di Verona, fortemente voluto da Federalberghi Garda Veneto e avviato grazie all'accordo con il Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero e con il supporto tecnico di Effetto Nido Srl.

Si tratta di una delle prime iniziative di questo tipo in provincia di Verona, "forse addirittura la prima in Veneto", ha evidenziato Thomas Pandian, direttore del Consorzio (nella foto, a sinistra), durante la conferenza stampa di questa mattina per presentare l'avvio del progetto, di cui era stata data un'anticipazione a febbraio con la notizia dell'accordo tra i due enti (vedi articolo correlato).


L'obiettivo è quello "effettuare un monitoraggio della quantità e qualità dei rifiuti prodotti dalle strutture alberghiere – ha spiegato Pandian - nell'ottica di migliorare la raccolta differenziata. I dati raccolti in questa stagione estiva, fino al 1° di ottobre prossimo, ci aiuteranno a capire come procedere in futuro per la messa a regime del servizio. Già dopo questi primi giorni è possibile riconoscere un primo importante risultato, che è quello della riduzione del secco indifferenziato prodotto, quello che va a finire in discarica senza possibilità di riciclo".


Verona-raccolta-puntuale-microchipIl servizio – operato da Serit, tradizionale partner del Consorzio – consiste nel controllo computerizzato e nella misurazione puntuale di ogni tipologia di rifiuto prodotto (secco, umido, plastica e lattine) attraverso la lettura di un microchip (che permette di risalire al "proprietario" del rifiuto) applicato su speciali sacchetti, che sono stati distribuiti nelle settimane scorse agli albergatori. Sarà così possibile non solo verificare la correttezza dei rifiuti raccolti, ma anche applicare la tariffa rifiuti in base all'effettiva produzione, non ai metri quadrati di superficie.


Ad oggi sono 87 gli alberghi aderenti (circa il 70% del totale nella zona) nei quattro comuni coinvolti (Torri, Brenzone, Malcesine e San Zeno di Montagna) che, ha tenuto a sottolineare il presidente di Federalberghi Garda Veneto Corrado Bertoncelli (nella foto, a destra) – "hanno tutti deciso di partecipare al progetto su base volontaria, per il desiderio di contribuire alla salvaguardia ambientale del delicato territorio lacustre e con l'auspicio, in secondo luogo, che l'ottimizzazione della raccolta possa portare ad una riduzione della tassa rifiuti. Per gli imprenditori turistici si tratta di un impegno notevole, considerato anche il fatto che l'iniziativa non è partita a maggio o giugno come inizialmente progettato, ma a metà luglio – quindi in piena stagione estiva".


L'opera di sensibilizzazione e formazione dei gestori e del personale degli alberghi è stata portata avanti da Effetto Nido Srl, azienda specializzata nell'efficienza e risparmio energetico. "L'avvio del servizio non sarebbe stato possibile senza l'ampia e non scontata disponibilità alla riorganizzazione interna delle strutture – ha evidenziato con soddisfazione il project manager Davide Fumaneri – che hanno dimostrato come, a fronte di indicazioni precise, la gestione dei rifiuti risultasse a conti fatti persino più semplice".


Una delle prime conseguenze del servizio puntuale è l'aumento della raccolta della plastica che, avendo un valore economico, porta ad un maggiore guadagno per i Comuni coinvolti, considerati anche i minori costi legati alla quantità di rifiuto secco da smaltire. Un motivo in più per convincere sempre più amministrazioni a convertirsi a questo tipo di raccolta rifiuti che – come ha voluto dimostrare Federalberghi con questa sperimentazione – a dispetto di molti detrattori "si può fare". E se ci riescono "grandi utenze" come gli alberghi, il passaggio alle utenze domestiche sarà quasi scontato.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 21 Agosto 2014 13:12

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.