"Comuni Ricicloni", la performance della nostra provincia

|| || ||

Sono stati presentati l'8 luglio scorso a Roma i premi "Comuni Ricicloni", iniziativa di Legambiente giunta quest'anno alla XX edizione e patrocinata dal ministero per l'Ambiente. Come si sono comportati i Comuni veronesi? Diamo un'occhiata in dettaglio al rapporto di Legambiente.

Partiamo da Verona, che ha raggiunto il 53% di raccolta differenziata. Pur essendo distante dall'obiettivo del 65% stabilito dalla legge, non si può dire che si tratti di una cattiva performance, considerando che le vicine Padova e Venezia (città classificate come medie, come Verona) non hanno fatto meglio, raggiungendo rispettivamente il 43 e 35% di raccolta differenziata. C'è da dire inoltre, a parziale giustificazione, che su 1.293 "Comuni Ricicloni", solo 6 sono capoluoghi di provincia: 4 al nord e 2 al sud. Come conferma lo slogan dell'iniziativa stessa infatti, "piccolo è bello": per le piccole realtà è sicuramente più facile organizzare la raccolta differenziata, ma questo non deve costituire un alibi per le grandi città, compresa la nostra. Si può fare di meglio.

Sono diciassette i Comuni veronesi sopra i 10.000 abitanti ad essere rientrati nei "Comuni Ricicloni": tra questi, per quanto riguarda la differenziata, il vincitore è San Pietro in Cariano, con una percentuale dell'81,8%. Seconda classificata Sommacampagna con l'80,6%, mentre per il terzo posto si passa all'area sud della provincia, dove sull'ultimo scalino del podio troviamo Bovolone con il 78,6%.
Se si guarda però anche all'indice di buona gestione dei rifiuti urbani (che prende in considerazione anche altri fattori, tra i quali la riduzione della quantità totale di rifiuti prodotti, la sicurezza dello smaltimento e l'efficacia del servizio) la situazione cambia: il comune veronese più virtuoso considerando entrambi gli indici è quindi Sant'Ambrogio di Valpolicella, con il 70,10% di indice di buona gestione ed il 76,3% di differenziata), seguito da San Martino Buon Albergo (rispettivamente 70% e 75,6%). Menzione speciale per Sommacampagna, unico tra questi ad essere "Rifiuti Free", cioè con produzione di rifiuto secco indifferenziato inferiore a 75 Kg per abitante all'anno

Schermata 2013-07-23 alle 13.03.09

 

Per quanto riguarda i comuni sotto i 10.000 abitanti, i "Comuni Ricicloni" veronesi sono 46: considerando entrambi gli indici di classificazione, vincitori assoluti sono Rivoli Veronese, Fumane e Lavagno, tutti e tre con il 75% di differenziata e oltre il 70 di indice di buona gestione. Ulteriore menzione per Rivoli, che risulta essere anche un comune "Rifiuti Free", insieme a Lavagno, Palù, Erbè e Povegliano. Per quanto riguarda la sola differenziata, vince Colognola ai Colli con il 78,1%. Mentre fanalino di coda dei 44 comuni virtuosi sono Nogara, Castagnaro e Malcesine.

Schermata 2013-07-23 alle 13.02.58

Considerando entrambe le categorie, sono stati premiati 63 comuni veronesi su un totale di 98. Un discreto risultato per la nostra provincia che fa parte di quel Veneto virtuoso che può vantare di essere la regione più "riciclona" d'Italia, con 380 comuni sul totale di 1293 premiati.

Da segnalare i grandi assenti, tra i primi venti comuni veronesi per numero di abitanti: San Bonifacio e Castelnuovo del Garda. Quali saranno le loro politiche per migliorare la gestione dei rifiuti nei prossimi anni?

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Venerdì, 29 Giugno 2018 16:10

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.