Dalla Regione Veneto arriva lo stop agli inceneritori

By Aprile 17, 2014 4507 No comment
|| || ||

Il Piano regionale dei rifiuti non prevede nuovi termovalorizzatori (o inceneritori, com'è più corretto chiamarli). La conferma è arrivata pochi giorni fa dall'assessore regionale all'Ambiente Maurizio Conte, mettendo quindi di nuovo in discussione la realizzazione dell'impianto di Ca' del Bue a sud di Verona.

Grazie alla riduzione dei rifiuti prodotti dalla nostra regione, la costruzione di nuovi inceneritori non è più necessaria. Una buona notizia per il territorio grazie alla gestione sempre più virtuosa e consapevole portata avanti da cittadini e amministrazioni.

Ma c'è un però. Essendo già stato autorizzato, la decisione se portare a termine la realizzazione di Ca' del Bue spetta ora ad Agsm, l'azienda servizi municipalizzati del Comune di Verona – ha specificato l'assessore. E quest'ultima fa sapere che il progetto del nuovo impianto potrà essere portato a termine solo se il Tar del Lazio approverà la concessione degli incentivi per realizzarlo, i cosiddetti Cip6, già previsti per il vecchio inceneritore ma utilizzati solo in parte. Una quota pari al 25-30% della tariffa di conferimento, che garantirebbe la sostenibilità economica dell'impianto per circa 7-8 anni.


"Senza gli incentivi l'inceneritore non si farà", ha dichiarato esplicitamente Paolo Paternoster, presidente di Agsm. E la conferma viene anche dall'assessore del comune di Verona con delega alle aziende ed enti partecipati Enrico Toffali.


Una vittoria per i comitati ed i sindaci dei Comuni di San Giovanni Lupatoto, Zevio e San Martino Buon Albergo, che da anni si oppongono al nuovo impianto, per l'inquinamento che ne deriverebbe. Un po' meno per le finanze locali, dato che l'azienda spagnola appaltatrice dell'impianto (la Urbaser) potrebbe rivalersi per il mancato rispetto degli accordi presi.


Per sapere come finirà questa annosa vicenda dovremo aspettare la fine di maggio, quando il Tar del Lazio dovrebbe pronunciarsi sulla questione degli incentivi. Nel frattempo in molti continuano a domandarsi come sia possibile pensare di insistere su un progetto simile consapevoli del fatto che in tempi brevi, già entro un decennio, potrebbe non essere più sostenibile economicamente. Un altro esempio di gestione poco lungimirante delle nostre città.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Venerdì, 18 Aprile 2014 18:47

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.