San Giovanni verso la tariffazione puntuale

By Gennaio 09, 2014 1958 No comment
|| || ||

Il comune di San Giovanni Lupatoto potrebbe essere tra i primi, in provincia di Verona, ad applicare la tassa sui rifiuti con tariffazione puntuale. Una scelta importante, che dovrebbe concretizzarsi nel 2015, per ottenere migliori risultati nel riciclo dei materiali di scarto.

Nel corso dell'ultima seduta, che si è tenuta il 19 dicembre scorso, il consiglio comunale ha approvato l'istituzione di una società a capitale misto pubblico-privato per realizzare un nuovo modello gestionale per il servizio di igiene ambientale.


Continua così il percorso dell'amministrazione comunale per raggiungere l'obiettivo dei "rifiuti zero". Con la tariffazione puntuale si paga infatti, oltre a una parte fissa, in base ai rifiuti indifferenziati realmente prodotti e conferiti. Rappresenta quindi la strategia più efficace aumentare la quota di rifiuti da destinare al riciclo oltre ad essere una tassa più equa, perché permette di far pagare in relazione all'effettivo servizio erogato e non solo in base ai metri quadri o ai componenti della famiglia.

 

"Scartate le ipotesi di mantenere il servizio rifiuti "in house" (troppo onerosa e impraticabile a causa del patto di stabilità) e quella di indire una gara, abbiamo scelto la strada della creazione di una NewCo – spiega l'assessore alle società partecipate Enrico Mantovanelli –. La nuova società resterà in mano per il 60% alla SGL Multiservizi (società partecipata dal Comune, che oggi ha in gestione il servizio di igiene urbana), mentre per il restante 40% entrerà un privato, che porterà i mezzi e le risorse per effettuare il servizio, introducendo la tariffazione puntuale".

 

"Siamo convinti che la lotta all'inceneritore passi anche e soprattutto da qui: vogliamo essere un modello di lungimiranza, affinché anche gli altri enti locali ci seguano in questo percorso virtuoso", conclude Mantovanelli.

 

"Ridurre i rifiuti indifferenziati significa eliminare la benzina necessaria ad un impianto come quello di Ca' del Bue - aggiunge il sindaco di San Giovanni Lupatoto Federico Vantini - oltre che un modello che guarda ad un futuro migliore e sostenibile. Una scelta precisa e strategica, che stiamo portando avanti fin dal nostro insediamento: oltre un anno fa abbiamo visitato Comuni all'avanguardia in questo settore, come Capannori e Ponte nelle Alpi (vedi notizia correlata). Abbiamo poi commissionato uno studio apposito per studiare un modello di gestione su misura per la nostra città, investendo risorse in questo cambiamento, che è prima di tutto culturale. Alla base del nostro orientamento c'è un dato di fatto: i rifiuti non sono materiali inutili di cui disfarsi, ma risorse da sfruttare".

 

Nei primi mesi del 2014 verrà affinato il progetto esecutivo del nuovo modello di servizio e preparata la documentazione per una gara "a doppio oggetto", che si aggiudicherà presumibilmente entro l'estate. Si stima che il nuovo servizio, con l'applicazione della tariffazione puntuale, entrerà in vigore dal 2015.

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 09 Gennaio 2014 22:56

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.