Intrigas, un nuovo gruppo di acquisto solidale a Rizza

|| || ||

Diventare consumatori critici, acquistando prodotti salutari da piccoli produttori, possibilmente biologici e locali, e recuperando il piacere dello stare insieme. È con questi obiettivi, vicini a quelli di tanti altri gruppi d'acquisto solidale di Verona, che è nato a Rizza il nuovo Gas Intrigas.

Partito su iniziativa di pochi amici e conoscenti circa un anno e mezzo fa, oggi il gruppo comprende già una decina di famiglie: "Abbiamo cominciato a incontrarci, discutere, organizzarci, con la voglia di fare scelte più consapevoli per noi e per gli altri", ci hanno raccontato i fondatori, tra cui Antonio Fanin ed Enzo Bortolotti.


"All'inizio, per capire come avviare i primi ordini, abbiamo chiesto consiglio ad alcuni Gas vicino a noi, come il Povegliano a tutto gas e il Gologas. Eravamo interessati prima di tutto all'ortofrutta: dopo un primo tentativo con un produttore locale che ci preparava delle cassette prestabilite, abbiamo trovato la nostra formula con un altro che ci permette di ordinare i prodotti che desideriamo e andarli a ritirare freschissimi nel giorno concordato".


I vantaggi sono garantiti: si evitano sprechi di cibo, perché essendo freschi durano molto di più, ma anche di inutili confezioni, non si alimenta la dispendiosa catena del freddo dei supermercati e si privilegiano prodotti davvero a km0, bypassando l'inquinamento dovuto al trasporto. "Senza dimenticare il risparmio - fanno notare - perché in gruppo possiamo ottenere dei prezzi più vantaggiosi".


Sono sicuramente i prodotti alimentari i preferiti dai gruppi d'acquisto solidale, ma si può decidere di comprare anche altro, dai detersivi ai cosmetici all'abbigliamento, privilegiando sempre piccole aziende con un comportamento di produzione etico. Gli acquisti si effettuano online su una piattaforma gestionale dedicata, scegliendo tra i prodotti inseriti con descrizione e prezzo. Tutti sono chiamati a contribuire all'organizzazione del gruppo, in base alla propria disponibilità, come referente per un prodotto o fornitore.


"Per ora come Intrigas ci siamo limitati all'agroalimentare – commentano – ordinando prodotti come riso, uova, formaggi, castagne, zucche. Ma stiamo lavorando per espandere sempre di più il paniere dei nostri fornitori".


Scegliere il fornitore di un gruppo d'acquisto solidale richiede un certo impegno: sicuramente un contatto diretto per conoscere l'azienda è fondamentale, poi in molti decidono di andare anche a visitarli di persona, per rendersi conto senza filtri della realtà a cui ci si sta affidando in tutti i suoi aspetti.


"Noi ci siamo posti cinque criteri per scegliere i nostri fornitori: il metodo di coltivazione, preferibilmente biologico, la vicinanza al nostro gruppo (km0), la solidarietà verso l'azienda, l'ecologia e l'economicità. Almeno tre di questi devono essere rispettati".


Far parte di un gruppo di acquisto solidale significa anche recuperare il valore alle relazioni umane, mettendo in comune tempo e risorse: "Quando poi arriva la merce è un piacere incontrarsi per dividerla e assaggiarla insieme con la scusa della distribuzione", sottolineano con entusiasmo. Del resto Intrigas vuole essere anche un gruppo "che intriga", come suggerisce il nome, che deriva anche dal fatto che la frazione di Rizza, una comunità di circa 3 mila abitanti, fa capo a tre comuni: Verona, Villafranca e Castel d'Azzano.


L'adesione a questo ed altri Gas è aperta a chiunque voglia avvicinarsi a questa nuova forma di acquisto etico ed ecosostenibile. "L'obiettivo è quello di espandere sempre di più la rete di consumatori critici di Rizza e magari, in futuro, organizzare anche degli incontri pubblici per approfondire questo percorso culturale".


Per informazioni e contatti: www.rizzaintrigas.org


Per conoscere gli altri Gas della provincia di Verona: www.quarei.it

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Venerdì, 04 Dicembre 2015 12:59

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.