WWOOF a Verona, tra vacanza ed esperienza di lavoro nel bio

|| || ||

Acronimo di World-Wide Opportunities on Organic Farms, WWOOF è un'organizzazione nata per mettere in contatto le fattorie biologiche di tutto il mondo con volontari-viaggiatori che amano la natura e la vita rurale. Anche a Verona è possibile fare una di queste esperienze in alcune delle (non numerosissime) aziende agricole aderenti.

Lo scopo di WWOOF è quello di coinvolgere e di accrescere l'interesse delle persone nei confronti di uno stile di vita biologico e sostenibile tramite vacanze fuori dal comune caratterizzate da una parte di lavoro volontario. 

 

L'idea si è sviluppata nel 1971 con l'originario nome di "Working weekends in organic farms", quando Sue Coppard, una londinese amante della natura, decise di organizzare un weekend nella fattoria pedagogica e biologica dell'Emerson College, nel Sussex. Nel 2000, si è tenuta la prima conferenza internazionale del Wwoofing, a cui hanno partecipato le 15 nazioni che allora avevano una propria organizzazione. 

 

Dopo quindici anni, grazie anche allo sviluppo di internet, più di 80 nazioni fanno parte oggi della rete internazionale del WWOOF.

 

Attraverso WWOOF le fattorie biologiche, ma anche agriturismi, aziende agricole sia di grandi dimensioni che a conduzione famigliare ed eco-villaggi, offrono vitto ed alloggio gratuito in cambio di un aiuto nel lavoro di campagna.


L'aiuto nelle fattorie biologiche può riguardare diverse mansioni: coltivazione e raccolta nei campi, cura degli animali, pulizie di casa, aiuto in cucina, costruzione di recinzioni o altre strutture e tutto ciò che c'è da fare per il sostentamento dell'azienda. In cambio vengono offerti vitto ed alloggio gratuiti.


Questo sistema consente di partecipare attivamente alla vita di fattoria e di imparare sul posto molte cose riguardanti le coltivazioni biologiche, ma si ha anche l'opportunità di conoscere nuove persone, di fare esperienze insolite e allo stesso tempo di fare una vacanza alternativa fuori dagli schemi.


Il tempo di soggiorno può variare, si può fare anche un'intera vacanza spostandosi da una fattoria all'altra per visitare sempre posti nuovi e fare esperienze diverse. Non sono richieste competenze specifiche, si deve solo avere solo una grande voglia di lavorare e di imparare cose nuove.


In Italia, dove il fenomeno si è sviluppato a partire dal 1999 e solo ora sta emergendo, ci sono circa 300 fattorie biologiche associate ed oltre 1300 viaggiatori.


Anche a Verona esistono una decina di realtà ospitanti, tutte diverse tra loro, sia per le dimensioni che per le mansioni richieste ai wwoofer, ma anche per l'età e la composizione famigliare delle persone coinvolte. Queste fattorie sono dislocate in varie zone della provincia. Per vedere le loro presentazioni è sufficiente cliccare su questo link: www.wwoof.it/it/lista/lista-online/546-verona.html


Avere realtà di questo tipo sul nostro territorio è un'opportunità: infatti è possibile partecipare anche saltuariamente alle loro attività, accordandosi col titolare delle aziende agricole. In tempi di crisi economica, si ha l'occasione di rivoluzionare la propria vita acquisendo nuove competenze, scambiandosi conoscenze, lavorando all'aperto, provando uno stile di vita davvero alternativo.


Infatti, alcune di esse hanno come scopo principale proprio quello di realizzare una visione del vivere diverso, basato sull'autosufficienza alimentare ed energetica. Se si condivide questo pensiero, il wwoofing è un buon punto di partenza per metterlo in pratica e sperimentarlo in prima persona.


Per partecipare occorre diventare socio di WWOOF, compilando un modulo ed effettuando il versamento di una quota associativa. E' sufficiente seguire le indicazioni riportate sul sito: www.wwoof.it/it/diventare-soci.html


A questo indirizzo invece il sito del WWOOF International: www.wwoof.net.


Vacanze economiche con possibilità di scegliere mete ovunque nel mondo: facoltà di farlo anche a Verona, perché non provarci?

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Martedì, 28 Aprile 2015 13:44

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.