Il Veneto punta sul green tourism, in bici e a cavallo

By Agosto 05, 2014 1511 No comment
|| || ||

La Regione Veneto ha stanziato 225 mila euro per promuovere il turismo "slow" con una campagna di valorizzazione dei percorsi in bici e a cavallo presenti in questo territorio, che detiene già il primato nelle preferenze turistiche d'Italia, con circa 63 milioni di presenze l'anno.

"Negli ultimi cinque anni abbiamo compiuto un grosso salto di qualità nel settore turistico – ha commentato l'assessore Marino Finozzi – individuando nell'ambito della Rete Escursionistica Veneta, con la collaborazione di enti locali e associazioni di categoria, itinerari di particolare interesse per cicloturismo e turismo equestre, dando vita ad un sistema a rete di percorsi, integrabile ed aggiornabile nel tempo".


Tra queste va ricordato il progetto per il cicloturismo Veneto Bike, grazie a cui sono stati individuati sette escursioni e quattro itinerari, oltre ai percorsi in mountain bike nelle Dolomiti e nella montagna veneta. Mentre per il turismo a cavallo vale la pena citare, nel nostro terriotorio, l'Ippovia della Lessinia, che fa parte dei sette percorsi turistici di valenza regionale identificati: "Ippovia del Piave", "Ippovia del Brenta", "Ippovie delle Prealpi Trevigiane e Bellunesi", cui si aggiungono le ippovie del Delta del Po, dell'Altopiano di Asiago, della e delle Dolomiti.


"Ci troviamo davanti ad un settore di nicchia che mira a qualificare il Veneto come area territoriale sempre più orientato all'esplorazione lenta del territorio – ha aggiunto Finozzi -. Questo tipo di turismo a misura d'uomo permette inoltre di destagionalizzare e delocalizzare i flussi turistici, offrendo un servizio di qualità anche a nuovi ospiti".


Per realizzare la campagna, saranno realizzati materiali informativi e divulgativi in più lingue per i turisti e gli operatori di settore; attività di informazione sulle attività turistiche, naturalistiche, ambientali e paesaggistiche, con l'identificazione anche degli itinerari mediante l'utilizzo di app, gps e altre tecnologie. Saranno pure organizzati educational per i tour operators specializzati, meeting e incontri per operatori e giornalisti del settore, oltre alla partecipazione a fiere specializzate in Italia e all'estero. Saranno infine adottati software di gestione delle prenotazioni e sistemi di rilevazione dei turisti negli itinerari.

 

Fonte: Regione Veneto

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Martedì, 05 Agosto 2014 21:04

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.