Garda Green, per un turismo più ecologico sul Lago di Garda

By Giugno 21, 2016 1450 No comment
|| || ||

Nasce il primo protocollo ecologico per garantire ai turisti del Lago di Garda un soggiorno di qualità con il minimo impatto ambientale. "Garda Green - Smart hospitality for green tourists" è un'idea dell'azienda veronese Effetto Nido Srl e gode del patrocinio di Federalberghi Garda Veneto, Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero e Lago di Garda Veneto.

La novità è stata presentata alla stampa oggi, martedì 21 giugno, sulle rive del lago. Nel rispetto dei valori di sostenibilità, i giornalisti sono stati trasportati da Peschiera a Lazise a bordo di "Become", la prima imbarcazione elettrica per il trasporto di passeggeri sul Lago di Garda, prodotta dalla storica azienda Bertoldi Boats di Sirmione e alimentata dall'energia certifica TÜV di Repower.


Il protocollo ecologico Garda Green ha il fine di tutelare l'ecosistema gardesano attraverso la diffusione di soluzioni e pratiche che rendano eco-sostenibili le strutture votate all'ospitalità e alla ristorazione, così come le filiere agro-alimentare e dei trasporti.


I destinatari sono albergatori, ristoratori, titolari di campeggi e di ogni altra attività che contribuisce al successo della destinazione turistica "Lago di Garda", che registra 12,5 milioni di presenze annue.


Il protocollo Garda Green è infatti il risultato dell'analisi quantitativa e qualitativa dei dati raccolti per Federalberghi Garda Veneto dal partner Effetto Nido, in tre anni di esperienza diretta con gli albergatori sui temi del risparmio energetico, della produzione di emissioni e dei rifiuti.


Il Lago di Garda richiama ogni anno milioni di turisti che si aspettano di trascorrere le vacanze in un ambiente sano, curato e pulito: per questo il tema dei rifiuti è stato trattato in collaborazione con il consorzio che si occupa della gestione integrata dei rifiuti per 46 Comuni della Provincia di Verona.


"Sulla base dei dati raccolti da Effetto Nido, abbiamo collaborato a definire i parametri per valutare e le pratiche per ottimizzare la gestione dei rifiuti interna alle strutture, per conseguire una riduzione dei rifiuti prodotti e una migliore differenziazione degli stessi, a vantaggio dell'ambiente e dell'immagine stessa delle strutture", sottolinea Thomas Pandian, direttore generale del Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero.


L'adesione al protocollo è su base volontaria e i criteri di eco sostenibilità del protocollo ecologico sono suddivisi tra generali, obbligatori e facoltativi.


Tra gli obiettivi che le strutture ricettive possono ottenere, quello di avere un'idea precisa della propria situazione normativa e ambientale (impronta ecologica), ottimizzare impegno e investimenti grazie all'adozione di un disciplinare espressamente studiato per le caratteristiche del Garda, essere supportati e guidati in un piano di progressiva riduzione dell'impatto ambientale, fare della propria struttura un ambasciatore del proprio territorio, contribuire a preservare la salute del Lago di Garda.


"L'obiettivo è quello di riqualificare l'offerta turistica del Lago di Garda attraverso soluzioni eco-smart. Modelli di ospitalità più attenti e sensibili alla salvaguardia del territorio e delle sue risorse — aggiunge il presidente di Federalberghi Garda Veneto, Marco Lucchini — saranno sicuramente in grado di intercettare la domanda dei viaggiatori attenti all'ambiente, soprattutto di quelli provenienti da Paesi che da tempo hanno adottato comportamenti eco-sostenibili e che si aspettano di trovare la stessa attenzione anche nel luogo di vacanza".


"Il nostro più sentito ringraziamento va alle attuali 12 strutture alberghiere che hanno già aderito — conclude Davide Fumaneri, titolare di Effetto Nido — che non solo hanno creduto nel progetto fin dall'inizio ma lo hanno supportato e si sono concretamente impegnate nella fase preliminare di definizione del protocollo, raggiungendo per prime i traguardi ecosostenibili imposti dai parametri che lo caratterizzano.


Garda Green provvederà a costituirsi, in tempi strettissimi, come rete di impresa. Per maggiori informazioni è disponibile il sito www.gardagreen.org, piattaforma grazie a cui verrà sviluppata la comunicazione integrata della rete per garantire la visibilità tanto agli aderenti che al mercato turistico nel suo complesso.

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Martedì, 21 Giugno 2016 20:39

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.