Natale senza carrello, scopri il Certificato di Esenzione

By Dicembre 14, 2015 1164 No comment
|| || ||

Il Mercatino di Natale del 12-13 dicembre a Porta Palio, con tanti piccoli produttori locali ed ecosostenibili, è stato un modo per trasmettere il vero spirito di questa festa spesso legata al consumismo. Anche la campagna di Contiamoci.com va in questa direzione: scarica l'originale "Certificato di Esenzione dall'Obbligo di Comprare Regali di Natale".

Contiamoci.com è il social network delle buone pratiche fondato da Greta Golia (che è stata ospite al nostro Verona Green Festival 2015). Questa prima campagna natalizia è un invito a tornare al significato originario del dono, al di fuori delle logiche del consumismo.


"Esortiamo a fare regali consapevoli e autentici – spiega l'ideatrice Greta Golia - e sul sito della campagna distribuiamo il Certificato di Esenzione dall'Obbligo di Comprare i Regali di Natale", che è scaricabile a questo link personalizzato per sé o per amici e parenti: http://bit.ly/natale-senza-carrello.


L'idea quindi non è quella di eliminare del tutto i regali da sotto l'albero, ma di cercare nella memoria del passato il gusto di un dono ricevuto quando si era bambini: sicuramente il ricordo più forte è quello delle attenzioni dei genitori.


"Natale più bello senza carrello" è un invito a cercare di nuovo quel sapore, la gioia di scartare un regalo fatto col cuore. Regalare cioè non è più un dovere, ma si può tornare a considerarlo un gesto di tenerezza.


La parola chiave è dematerializzazione, tema importante dell'ultima Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, anche in linea con la campagna Buy Nothing Christmas.

 

Per facilitare il percorso verso il cambiamento, sul retro del certificato è stato inserito un vademecum con alcuni consigli su cosa comprare e cosa lasciare sugli scaffali.


Cosa non regalare

- evita i giocattoli, film e videogames di guerra: educano a credere che le vite umane siano pedine.
- evita i prodotti fabbricati in Paesi dove si tollerano lavoro minorile, distruzione dell'ambiente e sfruttamento della manodopera, che oltretutto fanno scorretta concorrenza a noi lavoratori europei; ovvia eccezione, i prodotti equi e solidali;
- evita gli articoli pubblicizzati in televisione; scaricano sulle tue tasche enormi costi pubblicitari e schiacciano quei piccoli produttori di qualità che non possono permettersi grandi budget promozionali;
- evita le griffe ed i marchi famosi, che troppo spesso vendono più fumo che arrosto.


Cosa regalare

- cultura: libri, dischi e abbonamenti a riviste, meglio quelli di piccoli editori;
- prodotti equi e solidali, che tutelano i poveri della terra e ti fanno gustare sapori non sofisticati;
- giocattoli divertenti che stimolano l'intelligenza: finché conosceranno solo quelli della TV e dei supermarket, desidereranno solo quelli;
- una compilation musicale creata da te;
- articoli di piccoli produttori di qualità, i prodotti artigianali, i cibi tipici;
- una donazione a qualche associazione ecologista o contro la guerra, regalando la ricevuta alla persona cara: è un atto diverso dal solito, che racconta cose belle di te e aiuta a pensare.


Il tutto è corredato da un video giocoso rigorosamente autoprodotto: https://www.youtube.com/watch?v=u0_IWgt0eM4.

 

Se vi piace il Natale originale, questa è l'idea giusta per stupire tutti con un'iniziativa solidale e sostenibile.

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 14 Dicembre 2015 20:43

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.