Per una rete ciclabile della bassa veronese

By Settembre 24, 2013 9460 No comment
|| || ||

Solo otto chilometri separerebbero Bovolone da Cerea, da percorrere in bicicletta in tutta sicurezza se solo fosse completata la pista ciclabile lungo l'argine del Menago. È per raggiungere questo obiettivo che l'associazione Centro Studi e Ricerche ha attivato una raccolta firme da presentare al Comune.

Oltre a favorire una mobilità sostenibile, questo progetto darebbe un contributo importante alla promozione del territorio: il percorso infatti farebbe da collegamento tra due significative aree naturalistiche della zona, il Parco Valle del Menago di Bovolone e il Parco delle Vallette di Cerea.


È quello che ha evidenziato Alessio Meuti del Centro Studi e Ricerche di Bovolone (nella foto durante l'intervista), tra i referenti dell'iniziativa, con cui abbiamo approfondito tutti gli aspetti. "Si tratta in realtà di un progetto vecchio, allo studio degli uffici tecnici di Bovolone e Cerea già due anni fa e successivamente abbandonato senza una vera ragione", ci ha spiegato Meuti".


La realizzazione della pista ciclo-pedonale permetterebbe di collegare i due comuni anche con Villafontana, dato che il tratto fino a Bovolone è già in fase di progettazione. Si creerebbe così una rete abbastanza ampia comprendente, verso Rovigo, il percorso Tartaro-Canalbianco (con cui Cerea è già collegata) e, verso Legnago, la pista ciclabile lungo l'argine del Fiume Bussè. "È un territorio molto interessante dal punto di vista turistico , naturalistico e archeologico, punteggiato anche da molte ville venete. Per questo vogliamo sollecitare le amministrazioni a riaprire il progetto. Abbiamo già aperto il dialogo con loro", ha proseguito Meuti.


Progetto che, secondo il Centro Studi e Ricerche di Bovolone, sarebbe praticamente a costo zero. "Il percorso è demaniale e già praticamente percorribile. Basterebbero dei piccoli interventi sul tracciato e la segnaletica e in brevissimo tempo potrebbe essere aperto al pubblico", è la conclusione di Alessio Meuti.


La raccolta firme del Centro Studi e Ricerche di Bovolone è appena partita e proseguirà fino alla fine di febbraio, subito dopo la tradizionale fiera agricola di San Biagio.


Per mettersi in contatto con l'associazione: www.centrostudibovolone.it

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Martedì, 24 Settembre 2013 23:08

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.