AdB, bilancio delle iniziative per la ciclabilità

By Luglio 04, 2014 1625 No comment
|| || ||

Come tutti gli anni prima della pausa estiva, Fiab Verona-Amici della Bicicletta stila un bilancio di quello che l'amministrazione ha fatto (o non ha fatto) per la mobilità ciclistica negli ultimi 12 mesi.

Questa volta l'appuntamento non era sotto le scalinate di palazzo Barbieri per attirare l'attenzione del Sindaco, ma al semaforo di Volto San Luca.

 

Perché proprio lì? Perché la regolazione del semaforo di San Luca simboleggia "la refrattarietà dell'amministrazione comunale scaligera nei confronti delle ragioni di pedoni e ciclisti", sottolineano gli AdB. Un semaforo che costringe ad attraversare l'incrocio in due tempi, con "un'attesa di non meno di 70-80 secondi ammassati in gruppi da 20 o 30 su un'isola pedonale che ne potrebbe ospitare a mala pena 10 – fanno notare – La situazione di forte disagio e potenziale rischio è nota all'amministrazione stessa, tuttavia non si vedono cambiamenti".

 

I ciclisti si accontentano di piccoli interventi, ma la manifestazione di giovedì è stata anche l'occasione per chiedere "che fine ha fatto il fiume di denaro promesso con il Piano degli Interventi – reclamano gli AdB, aggiungendo: Ricordiamo che il Consiglio comunale ha stabilito che una quota non inferiore al 10% degli introiti dal Piano debba essere destinata al completamento della rete dei percorsi ciclabili della città. Si può discutere su come impiegare il denaro disponibile? Altrimenti il bellissimo piano della mobilità ciclistica di cui l'amministrazione si è dotata rischia di rimanere un bel sogno".

 

A settembre Fiab Verona-Amici della Bicicletta riprenderà le attività con le celebrazioni della Settimana della Mobilità Sostenibile. "Per quella data ci sembra lecito attenderci un segnale di attenzione anche da parte del Comune – dichiarano – Dopo aver visto l'impressionante quota di auto che entrano in Ztl (vedi articolo correlato) anche solo per accompagnare i bambini a scuola, vogliamo aspettarci interventi tesi a spostare il traffico dalle auto alle bici. Fiab Verona farà la propria parte, individuando dei percorsi casa-scuola all'interno di un progetto pilota". Una seconda rilevazione sugli accessi di auto in Ztl, svolta a qualche settimana di distanza dalla precedente, sempre in giorno feriale e con il bel tempo, dimostrerebbe infatti un calo di autovetture di oltre il 30%, secondo gli AdB da imputare quasi completamente alla chiusura delle scuole per le vacanze estive.

 

Settembre sarà anche il mese giusto per il rilancio del bike sharing. "Ora che sono finiti i contenziosi giudiziari – incalzano - è possibile programmare una capillare implementazione del servizio che, per impattare davvero sulle abitudini dei veronesi, dovrebbe essere esteso anche ai quartieri. Questa del resto è una tra le più frequenti richieste che gli utenti rivolgono alla società che lo gestisce, lo abbiamo verificato direttamente con Clear Channel".

 

Non da ultimo, gli AdB chiedono di dotare di accessi la nuova ciclabile di San Michele-Borgo Venezia, "prima che questa pista – concludono – inaccessibile ai quartieri che dovrebbe servire, diventi la barzelletta del secolo".

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Domenica, 06 Luglio 2014 18:18

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.