Energia, ridurre i consumi con le rinnovate detrazioni fiscali

|| || ||

Risparmio energetico significa contenere i nostri consumi di energia e quindi gli sprechi delle risorse del pianeta: gli edifici, se non ben coibentati, sono tra i maggiori responsabili di questo fenomeno. Oltre alle ristrutturazioni edilizie, ci sono altri interventi che si possono attuare. Con gli incentivi fiscali rinnovati fino al 31 dicembre 2015, questo potrebbe essere il momento giusto per dare una svolta green alla propria casa o all'ufficio.

 

Le agevolazioni, attive dal 2012, sono state confermate con la recente Legge di Stabilità 2015: fino a fine anno quindi è possibile beneficiare di una detrazione Irpef del 50%, con un limite massimo di spesa di 96 mila euro per immobile. Una misura straordinaria e ancora più vantaggiosa che, dall'1 gennaio 2016, tornerà nei livelli standard del 36 percento e con limite di 48 mila euro di spesa.


Le spese che rientrano nella misura offerta dagli incentivi statali includono sia le più ampie ristrutturazioni edilizie e l'acquisto di grandi elettrodomestici, per cui è prevista appunto una detrazione Irpef pari al 50% della somma spesa, sia le più accessibili riqualificazioni per adeguare il proprio immobile ai principi dell'efficienza energetica.


Per migliorare le prestazioni termiche dell'edificio infatti è possibile ad esempio acquistare nuovi infissi o intervenire sulla coibentazione con un cappotto interno o esterno. Oppure si può optare per l'energia rinnovabile con l'installazione di pannelli fotovoltaici o la sostituzione dell'impianto di riscaldamento con caldaie a biomassa. Tutti questi sono interventi che rientrano nelle misure per il risparmio energetico, per cui è prevista una detrazione Irpef e Ires ancora maggiore del 65%.


Entrambe le agevolazioni fiscali poi pare verranno definitivamente rimosse dal 2016.


Ridurre i propri consumi non è solo una scelta amica dell'ambiente ma permette ovviamente, a lungo termine, anche di risparmiare sulla bolletta. Un duplice beneficio che tutti dovremmo mettere in pratica il prima possibile, e perché no proprio quest'anno approfittando di questa ultima forse opportunità di agevolazioni fiscali.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 02 Aprile 2015 11:10

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.