Energia pulita, ForGreen Spa partner veronese

By Settembre 26, 2013 3302 No comment
|| || ||

L'utilizzo di energia elettrica da fonte rinnovabile è in continuo aumento, anche a Verona. Da qualche anno uno dei protagonisti della nostra città in questo settore è l'azienda For Green Spa, la cui mission è "accompagnare le aziende fornendo soluzioni a favore delle energie rinnovabili e del risparmio energetico, nella tutela e nel rispetto dell'ambiente". Abbiamo intervistato il presidente Germano Zanini. Ecco domande e risposte.

Quando e perché nasce ForGreen?
"ForGreen Spa nasce nel settembre 2009 da un team di tecnici e professionisti esperti nel settore energetico. La nostra azienda è stata fondata in momento storico di particolare difficoltà per l'economia mondiale, in un contesto tale per cui i tradizionali modelli di consumo sono mutati radicalmente. Il nostro obiettivo era, ed è tuttora, offrire un supporto alle imprese che decidono di gestire i propri consumi in modo più consapevole, investendo in un settore altamente innovativo e ricco di potenzialità: quello dell'energia rinnovabile. Un business che mette in primo piano il rispetto per l'ambiente, ambito strettamente connesso al risparmio economico".


Come è stato il trend di crescita dell'energia "pulita" negli ultimi anni?
"A livello mondiale, il settore della green energy, nonostante alcune inflessioni fisiologiche dovute a fattori indipendenti, come ad esempio il caro petrolio, sta conoscendo una continua espansione. In Italia, dal 2007, anno in cui sono entrati in produzione i primi impianti fotovoltaici, siamo arrivati alla realizzazione di oltre 500.000 sistemi, e i trend confermano che vi è ancora margine di crescita. Meno tumultuosa ma più stabile rispetto ai primi anni".


Parliamo di fotovoltaico: quali sono le potenzialità per le aziende e le famiglie veronesi e quali gli investimenti necessari?
"Il mercato del fotovoltaico non è ancora saturo: è in costante trasformazione e riserva ancora molte opportunità di sviluppo, soprattutto per chi sceglie di entrarvi non per fini speculativi ma perché percepisce, nella pratica dell'autoproduzione energetica, un metodo efficace per risparmiare sui consumi, e di conseguenza, sull'ambiente e sui propri risparmi. Grazie alle tecnologie attuali, gli impianti fotovoltaici richiedono un costo oggi competitivo, e permettono di risolvere, con poche migliaia di euro l'anno, la questione 'bolletta a sorpresa', che tanto preoccupa, a ragione, famiglie e imprese italiane".


Quali i maggiori ostacoli che ne rallentano lo sviluppo?
"Il taglio dell'incentivo energetico, il cosiddetto Conto Energia, ha determinato una prevedibile contrazione della domanda, che però scoraggia solo un soggetto 'opportunista' del breve periodo. Infatti, l'energia proveniente dagli idrocarburi fossili ha un costo sempre più elevato e l'unica soluzione per arginare le spese è l'autoproduzione energetica, perché permette alle persone di monitorare costantemente i propri consumi ed evitare gli inutili sprechi".


energylandChe progetti di rilievo sono stati realizzati nel veronese?
"Le aziende di Verona che hanno installato un impianto fotovoltaico sono più di un migliaio: di queste, ForGreen è orgogliosa di averne realizzati un centinaio, per nomi come Calzedonia, Masi, Carrera, Antolini. Abbiamo anche finalizzato un progetto unico nel suo genere, la creazione del parco fotovoltaico Energyland (nella fotowww.energy-land.it). In funzione dal maggio 2011, a Lugo di Grezzana, l'impianto rappresenta una filiera delle energie rinnovabili, dal produttore al consumatore, che genera energia pulita per le abitazioni dei cittadini che hanno aderito al progetto, entrando a far parte, come soci, di una cooperativa".

 

ForGreen si occupa anche di impianti a biogas: cosa risponde a chi si dimostra contrario a questo tipo di tecnologia contestando le emissioni provocate, comunque alte, e l'utilizzo di colture come il mais, grande consumatore di acqua?
"Lo sviluppo della tecnologia, oggi, ha raggiunto un livello tale da riuscire a contenere efficacemente le emissioni inquinanti, che si attestano molto al di sotto delle norme di settore. Il biogas, soprattutto nel settore agricolo, rappresenta una soluzione ottimale al problema dei nitrati e per contenere la produzione di rifiuti. Grazie all'autosufficienza energetica, le aziende evitano l'uso di idrocarburi fossili per completare il proprio ciclo produttivo. Il quadro normativo ha già regolarizzato l'uso delle materie prime e non dubito che il biogas possa risolvere il problema delle deiezioni animali e degli scarti nelle aziende agro-industriali, con grande vantaggio sull'impatto ambientale".


Per maggiori informazioni: www.forgreen.it

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 26 Settembre 2013 14:01

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.