Premio a Parco eolico di Rivoli, scoppia la polemica

|| || ||

La comunità di Rivoli Veronese ha ricevuto il premio di Legambiente "Buona Pratica Comuni Rinnovabili" 2014 per le pale eoliche realizzate da Agsm, il 7 maggio scorso a Milano in occasione della fiera Solarexpo. Ma il progetto è sorto su un'area SIC (Sito di Interesse Naturalistico) e scoppiano subito le polemiche: la replica di Legambiente Verona.

"Uno dei parchi eolici più interessanti in Italia - viene definito nella menzione del Premio - che permette di soddisfare i fabbisogni di circa 5.000 famiglie". Un riconoscimento che si inserisce nell'ambito del rapporto annuale dell'associazione ambientalista, per fare il punto della situazione e promuovere la diffusione della produzione di energia da fonti rinnovabili (vedi link).


L'impianto, finito di costruire sul Monte Mesa a fine marzo 2013, sorge "in un area Sic tutelata per l'habitat di prati aridi e orchidee", sottolinea Legambiente, che ammette di aver assegnato il premio proprio per il "processo di conservazione dei prati aridi e delle orchidee selvatiche in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato".


Ed è esattamente questo ad aver suscitato lo sdegno del sito di informazione indipendente per la tutela del territorio Veramente.org. "La zona sommitale del Monte Mesa, cioè la zona più interessante da un punto di vista naturalistico, è stata completamente devastata per innalzare le quattro pale eoliche alte 80 metri", denuncia l'autore Mario Spezia nel suo articolo, che evidenzia: "Questo è il primo e unico parco eolico sorto in Italia in area SIC".


La decisione del premio è stata presa da Legambiente Nazionale in autonomia rispetto al comitato locale di Verona. "Ne sono venuto a conoscenza solo a cose fatte e sinceramente ne sono rimasto sorpreso – ci ha rivelato Lorenzo Albi, presidente di Legambiente Verona, il quale tuttavia difende il progetto del parco eolico di Rivoli: "Si trattava di un SIC in pessima salute – spiega – in uno stato di totale abbandono, che sicuramente sarebbe scomparso nel giro di dieci anni. Quel giudizio quindi parte da presupposti sbagliati. Grazie a questo intervento invece l'area dovrà essere obbligatoriamente monitorata e curata. Certo la fase cantieristica è sicuramente la più impattante, ma tra qualche anno sono sicuro che vedremo i risultati del recupero".


A prescindere da questo caso specifico, quello dei parchi eolici rappresenta una questione spesso dibattuta, per l'impatto anche visivo che hanno sul territorio: "Non nego che abbiano una loro imponenza, quindi un parziale stravolgimento va messo in conto, ma se non vogliamo continuare a dipendere dai combustibili fossili, fortemente inquinanti – né tornare all'età della candela – servono soluzioni alternative: per questo Legambiente è sempre stata favorevole all'eolico. Ovviamente previo uno studio accurato dei progetti in tutte le sue fasi".


L'impianto in questione produrrà una significativa quantità di energia elettrica: circa 16 milioni di chilowattora l'anno, pari al fabbisogno energetico di 18 mila persone. "La sua importanza è pari a quella di un impianto offshore – aggiunge Albi – una produzione quindi di tutto rispetto che va incontro alle indicazioni dell'Unione Europea di arrivare a produrre almeno il 20% dell'energia nazionale da fonti rinnovabili entro il 2020. In futuro si deve andare in questa direzione".


Lo scontento per questa iniziativa del Comune di Rivoli Veronese è dovuto forse anche al coinvolgimento dell'azienda municipalizzata Agsm, promotrice di progetti criticati e inquinanti come quello dell'inceneritore di Ca' del Bue. "Legambiente è sempre stata interessata a dialogare con tutti i soggetti – conclude Albi motivando la scelta del premio – anche con chi, per motivi economici, si occupa pure di settori non condivisibili dal punto di vista ambientale. In questo modo anche chi, solo dieci anni fa, non si sarebbe minimamente sognato di farlo, oggi sta investendo nelle rinnovabili. È un modo per favorire la conversione energetica dei nostri territori".

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 15 Maggio 2014 14:47

2 commenti

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.