Kiwi biologici con pannelli solari, due buone pratiche in un colpo solo

By Aprile 02, 2014 2091 No comment
|| || ||

L'esperienza di un frutteto biologico a Isola della Scala, che "coltiva" kiwi e pannelli fotovoltaici insieme. La Passolongo ha inaugurato tre anni fa il primo impianto fotovoltaico al mondo su una piantagione esistente.

L'anno prima la Passolongo era stata incorporata dalla Iscom Spa di Pescantina, azienda attiva da oltre quarant'anni nelle coperture metalliche. Due aziende in settori diversi, agricola l'una, industriale l'altra, legate alla stessa famiglia di imprenditori, i Menegoli.


I 2.848 pannelli fotovoltaici in silicio amorfo con tecnologia a film sottile, più leggeri e facilmente orientabili delle celle in silicio mono e policristallino utilizzate comunemente, sono stati posizionati sopra i 12 ettari coltivati a kiwi sfruttandone i piloni dell'impianto antigrandine, per una potenza complessiva di 410 kW.

Lunghi cinque metri e mezzo e larghi una quarantina di centimetri, i pannelli ancorati alle reti antigrandine grazie a un innovativo sistema di fissaggio formano dei "filari" distanti tra loro una dozzina di metri. Quanto basta per non disturbare l'irraggiamento solare necessario alla maturazione dei frutti.


di Alessandra Sgarbossa


Fonte: www.agricoltura24.com

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 02 Aprile 2014 18:45

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.