Combustibili dalle microalghe, il progetto in Università

By Gennaio 19, 2016 1654 No comment
|| || ||

È considerato tra i progetti più promettenti per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Solenalgae è l'innovativa ricerca avviata dal dipartimento di Biotecnologie dell'Università di Verona che ha ottenuto recentemente un finanziamento di quasi 1 milione e mezzo di euro da parte della Commissione Europea.

Lo scopo è quello di ottenere energia da organismi fotosintetici unicellulari: le microalghe appunto. 

 

La scoperta permette di superare la contraddizione legata alla coltivazione di piante per la produzione di combustibili. "Il bio-etanolo, il bio-diesel e il bio-idrogeno hanno lo svantaggio di mettersi in contrasto con le necessità di produrre alimenti per il nostro sostentamento - ha spiegato Matteo Ballottari, docente di Fisiologia vegetale a capo del team di ricercatori -: invece di coltivare piante per nutrirci, si coltivano piante per produrre combustibile. Con le microalghe questo non succede: si tratta infatti di organismi fotosintetici unicellulari che permettono di produrre energia ecosostenibile, rappresentando in questo momento la soluzione più promettente al settore".

 

Pare condividere questo parere l'Erc (European research council), che ha ritenuto Solenalgae meritevole dell'importante finanziamento di 1.441.875 euro, nell'ambito del programma europeo Horizon 2020.


Il progetto, che partirà ufficialmente a marzo per una durata di 5 anni e vede la collaborazione anche del Dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano, è focalizzato a rendere possibile l'aumento della produzione di biomasse – e quindi di energia – grazie all'intervento umano. "La produttività delle microalghe – spiega infatti Ballottari – è potenzialmente molto alta ma deve essere aumentata per sostenere i costi di gestione di grandi impianti di coltivazione, intervenendo in particolare sull'efficienza di conversione dell'energia solare in biomassa tramite la fotosintesi".


La prestigiosa sovvenzione da parte della Commissione Europea, che sostiene ricercatori di eccellenza e progetti di ricerca innovativi e pioneristici, rappresenta un grande motivo di orgoglio per l'Ateneo cittadino, protagonista della rivoluzione per dare sempre più sviluppo alle rinnovabili nella nostra società.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 20 Gennaio 2016 12:47

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.