Associazioni unite per la sostenibilità del territorio

By Novembre 26, 2013 4977 No comment
|| || ||

Vivere bene consumando meno. È il titolo della nuova proposta ideata da Mdf, Movimento per la decrescita felice, di Verona, un progetto sviluppato da un gruppo di lavoro che ha studiato una serie di linee guida "sostenibili" riguardo la mobilità, l'edilizia, il lavoro e altri temi.

L'idea è di riunire le varie associazioni del territorio verso l'obiettivo comune di favorire l'agricoltura ecologica, il lavoro artigiano, case efficienti e a basso o zero impatto ambientale, contro il cemento e l'urbanizzazione selvaggia. 

 

Per far conoscere il piano, iniziato tre anni fa e sviluppato gradualmente nel tempo, Mdf ha incontrato ieri, lunedì 25 novembre, iscritti al movimento, simpatizzanti e semplici curiosi al centro culturale Tirtha di Pescantina.

 

Si vuole creare una rete che metta in contatto e faccia interagire le associazioni locali proponendo progetti di fattibilità per aree omogenee per un territorio più a misura d'uomo e più sostenibile.

 

Durante la serata si è inoltre discusso sulle tematiche da affrontare nella conferenza "La Valle che Vorrei. Proposte concrete per una gestione intelligente del territorio", che si terrà venerdì 6 dicembre al circolo Noi di San Pietro in Cariano con la partecipazione del presidente di Mdf Maurizio Pallante, Roberto Burdese, presidente di Slow Food, Averardo Amadio, presidente Wwf Veneto, don Albino Bizzotto, fondatore dell'associazione "Beati costruttori di pace".

 

Nel corso dell'incontro si discuterà di mobilità, agricoltura, edilizia per capire quale futuro attende la Valpolicella anche attraverso le proposte e gli interventi del pubblico a cui verrà dato spazio per domande e suggerimenti.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 02 Dicembre 2013 23:59

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.