Dopo la COP-21 di dicembre a Parigi, l'importante conferenza internazionale  sul riscaldamento globale, Legambiente Verona organizza un incontro pubblico per discutere di nuove possibili politiche nazionali e locali. Ospite il prof. Francesco Musco dell'università IUAV di Venezia.

Il presidente di Legambiente Veneto lancia un appello per l'Osservatorio ambiente e legalità di Venezia, il progetto dell'associazione - oggi a rischio chiusura - nato nel 2012 per far conoscere e contrastare le infiltrazioni mafiose in Veneto.

Dal 2010 a oggi, per questa tratta nulla è cambiato nonostante le molte proteste: è quanto emerge dall'ultimo rapporto Legambiente di "Pendolaria 2015", dove Verona compare accanto a città come Roma, Napoli, Reggio Calabria, Taranto, Messina, Catania, Rho e Genova.

È stato accolto come un accordo storico, una svolta nella lotta al cambiamento climatico. Ma, tra scienziati e ambientalisti, sono in molti ad essere delusi e preoccupati per il risultato della COP21 di Parigi. Ecco l'opinione di alcune associazioni veronesi che hanno partecipato alla Marcia per il Clima del 29 novembre.

E' sempre più alto l'allarme smog a Verona. Dopo i recenti preoccupanti dati forniti dall'Arpav, anche Legambiente lancia la campagna Mal'Aria, per monitorare la qualità dell'aria: verranno installate centraline di misurazione delle polveri sottili anche in provincia, a Villafranca e a San Giovanni Lupatoto.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.