Biosol, una raccolta fondi per sostenere la sovranità alimentare

By Maggio 06, 2015 1401 No comment
|| || ||

Cambiare l'attuale sistema economico per dimostrare che l'affermazione della sicurezza e sovranità alimentare da parte di consumatori e produttori è possibile, attraverso lo sviluppo di un'economia solidale nell'orizzonte della decrescita. È questa l'intento di BioSol, che lancia un appello per sostenere questo ambizioso progetto.

La segnalazione ci è arrivata direttamente dal fondatore Andrea Tronchin, che in una lettera spiega la difficile situazione che sta attraversando il progetto. Ecco il testo integrale:


"L'idea di implementare un progetto di Piccola Distribuzione Organizzata (PDO) di prodotti biologici rivolti a gruppi di acquisto parte tanti anni fa, dallo studio e sviluppo del progetto Rural Education (che risale al 2004), nel quale la Sovranità alimentare è stata analizzata e declinata, così come la Sovranità economica e monetaria.


Il progetto BioSol (www.biosol.it) ha come principale obiettivo quello di creare delle convergenze (ideologiche, politiche, economiche...) e dare senso e orizzonte all'impegno per cambiare la società: chiunque non sia ipnotizzato dalla grande confusione che regna si può rendere conto che il capitalismo globale è nocivo all'umanità e alla natura. Quella che però sembra ancora impossibile da vedere è la via per il cambiamento del sistema.


Attraverso un'attività economica concreta, in grado di sviluppare i mercati locali, creare nuove professionalità ed occupazione, consentire a tutti l'accesso ad una alimentazione sana e di qualità, Biosol vuole dimostrare che un cambiamento è possibile.

 

Nel 2010 parte ufficialmente la proposta del progetto di sviluppo agroalimentare dove il sistema di PDO è un cardine portante (vedi articolo correlato) e nell'ottobre 2011 si lancia concretamente il progetto Bioloc.

 

Un paio di anni dopo il progetto, in piena espansione, subisce una brutta battuta d'arresto, con la separazione dei due soci per divergenze di opinione (vedi articolo correlato). Nel marzo 2014 il progetto è ripartito, con il sostegno dei GAS e il nome di BioSol (Biologico e Solidale).

 

Purtroppo la settimana scorsa una nuova battuta d'arresto ha colpito questo progetto, a causa del cedimento del furgone giallo, con cui si svolgevano la maggior parte delle attività, che ha fuso il motore.


Andrea-Tronchin-BiosolNon volendo rassegnarci a subire la situazione esistente e rinunciare al progetto e a una via inedita di cambiamento, ci sentiamo di proporre un azionariato popolare per l'acquisto collettivo di un nuovo furgone, ciò anche nell'ottica di una condivisione e compartecipazione diretta da parte dei consumatori all'attività.


La campagna di raccolta fondi durerà un mese (dal 4 Maggio al 4 Giugno 2015). Il nostro obiettivo è arrivare ad avere un furgone nuovo i cui valore di mercato oggi si aggirano mediamente sui 30 - 35.000 euro; in base all'ammontare dei fondi raccolti valuteremo i possibili acquisti ed eventualmente ripiegheremo sull'usato, che però ha già dimostrato di poter mettere in difficoltà il progetto.


La raccolta fondi destinata all'acquisto del furgone sarà attivata sul seguente CC:
IT 81 J 08315 59600 000010007003, intestato ad Andrea Tronchin, conto aperto appositamente nel 2011 per far partire il progetto in seguito ad un finanziamento di microcredito ottenuto grazie all'impegno della MAG di Verona (Mutua Auto Gestione).


Potete dare il vostro contributo, come singoli o gruppi, con la modalità che preferite:
1) Libero sostegno al progetto;
2) Finanziamento del progetto: è prevista la restituzione della somma versata sotto forma di cassette-bio con modalità da concordare, in base al "buon senso" e in tempi da concordare;
3) Compartecipazione al rischio d'impresa: la restituzione sarà solo sotto forma di cassette di frutta e verdura con modalità da concordare in base al "buon senso";
4) Altro (ad esempio il furgone può essere messo a disposizione per un trasloco, con modalità da concordare (sempre in base al buon senso)."

 

Per maggiori informazioni è possibile contattare direttamente il responsabile dell'iniziativa all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 06 Maggio 2015 21:04

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.