Che fine hanno fatto i 65 milioni di euro per la bonifica della discarica di Cà Filissine, a Pescantina? Il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale veneto, Manuel Brusco, ha depositato un'interrogazione per conoscere tutti i dettagli di quest'operazione milionaria.

In occasione dell'Anteprima Amarone 2016, organizzato dal Consorzio Tutela Vini della Valpolicella, il Movimento Ambiente e Vita di Pescantina manifesterà di fronte al Palazzo della Gran Guardia contro il progetto di ampliamento della discarica di Ca' Filissine.

Centinaia di persone hanno partecipato alla manifestazione di oggi per le vie del paese valpolicellese per dire l'ennesimo no alla riapertura della discarica di Ca' Filissine: un sito sotto sequestro da nove anni per la cui bonifica non si trova una soluzione. L'amministrazione e i cittadini del Comune di Pescantina sono lasciati soli a risolvere questa delicata questione.

"Nessuna nuova discarica sarà realizzata nel territorio regionale, ma si andrà ad esaurimento di quelle esistenti". È questo uno dei punti chiave del nuovo Piano Rifiuti approvato ieri in extremis dal Consiglio regionale Veneto, che mira allo "sviluppo della competitività nel settore del recupero di rifiuti", con alcune zone d'ombra.

Il Comitato Anti-Discarica di Quaderni, San Martino per l'Ambiente e il Comitato Tutela Territorio, hanno denunciato oggi in una conferenza stampa insieme a Legambiente Verona il "bilancio fallimentare delle politiche ambientali della Regione Veneto in cinque anni di attività".

Pagina 1 di 5

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.