Agricoltura contadina, vera soluzione alla crisi climatica

By Novembre 12, 2015 3647 No comment
|| || ||

La Via Campesina invita all'azione in vista della COP21 a Parigi, la 21° conferenza annuale sui cambiamenti climatici, che coinciderà con varie mobilitazioni di massa in tutto il mondo per la giustizia climatica.

Calamità climatiche hanno nuovamente causato quest'anno molta fame, migrazioni e il peggioramento delle condizioni di vita di milioni di famiglie rurali, in particolare delle donne e dei giovani.

 

Mentre i piccoli agricoltori di tutto il mondo continuano a produrre il cibo consumato dalla maggior parte delle persone, i ghiacciai si stanno sciogliendo ad un ritmo allarmante, eventi catastrofici come uragani, tornado, terremoti e tsunami sono all'ordine del giorno, isole e nazioni vengono invase dagli oceani, i suoli si stanno erodendo e i boschi incendiando.

 

Nel frattempo, il sistema alimentare globale imposto dalle società transnazionali (TNC) è stato un fallimento totale ed è una delle principali cause della crisi climatica indotta dall'uomo, sistema alimentare dipendente dai combustibili fossili utilizzati per la produzione, trasformazione e trasporto degli alimentare e che è responsabile del 44-57% di tutte le emissioni globali di gas serra (Fonte: Grain.org).

 

Una ventina di anni dopo Rio ('92) e Kyoto ('97), i governi si sono incontrati più volte nella Conferenza delle Parti (COP) della Convenzione UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici). Hanno continuato a fallire nel proteggere e far progredire i più fondamentali diritti umani - compreso il diritto all'alimentazione - inviando ai colloqui sul clima delegazioni che davano priorità agli interessi privati rispetto al benessere pubblico.

 

Invece di limitare le emissioni, hanno creato mercati artificiali e opportunità per i più grandi inquinatori di continuare a inquinare e fare ben poco per ridurre gli effetti sui cambiamenti del clima.

 

Nel sostenere gli interessi del capitalismo e la privatizzazione della natura, le multinazionali stanno mettendo in pericolo sempre più grande la vita della gente comune, dei piccoli agricoltori, contadini e delle comunità indigene - che dipendono dalla natura per la loro esistenza.

 

Secondo il Programma Ambiente delle Nazioni Unite, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo, la FAO e il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, i piccoli agricoltori ancora oggi producono fino all'80% del cibo nei paesi non industrializzati (dove vive la maggior parte della popolazione mondiale).

 

È per questo che il movimento Via Campesina dichiara ancora una volta che la Sovranità Alimentare – basata sull' agroecologia contadina, le conoscenze tradizionali, la selezione, il salvataggio e la condivisione di semi adottivi locali, e il controllo sulle nostre terre, la biodiversità, le acque, e territori - è la vera, valida , e giusta soluzione a una crisi climatica globale causata in gran parte dalle multinazionali.

 

Per implementare la Sovranità Alimentare, però, abbiamo bisogno di un cambiamento di vasta portata. Tra le altre cose, abbiamo bisogno di riforme agrarie globali, di appalti pubblici per la produzione contadina, e della fine dei distruttivi Trattati di libero Commercio (FTA o TLC) promossi dalle multinazionali. In breve, abbiamo bisogno di giustizia - sociale, economica, politica, e di giustizia climatica.

 

Via Campesina, che rappresenta circa 200 milioni di agricoltori in più di 150 organizzazioni contadine, chiede ai governi a dare priorità ai bisogni delle persone sugli interessi corporativi e di accettare soluzioni climatiche reali - inclusi i sistemi contadini di produzione alimentari, che raffreddano il pianeta - quando si incontreranno al COP21, in programma dal 30 novembre al 11 dicembre a Parigi.

 

Fonte: Viacampesina.org   |   (traduzione di Antonio Lupo)

 

ContattiQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

DATE IMPORTANTI DA RICORDARE:


[28-29 Novembre] Inizio della Mobilitazione di massa per la Giustizia Climatica;
[29 Novembre] Mobilizzazioni Globali Decentrate per la Giustizia Climatica ;
[5-6 Decembre] Villaggio Globale / Fiera Alternativa Popolare;
[9 Decembre] "Giornata dell'Agricoltura Contadina e della Sovranità Alimentare";
[12 Decembre] "L'Ultima Parola" Mobilitazione di massa per la Giustizia Climatica .

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 12 Novembre 2015 15:35

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.