Inquinamento da pesticidi: fiumi e laghi sempre più tossici

By Giugno 19, 2014 7284 No comment
|| || ||

La sopravvivenza della fauna e della flora acquatiche e la potabilità delle nostre acque sono a rischio. Colpevoli l'agricoltura intensiva e i prodotti chimici dispersi dalle industrie. Un danno finora sottostimato, secondo il Centro per la Ricerca Ambientale Helmholtz in Germania.

Dei 4000 siti analizzati dai ricercatori, nel 14% dei casi il livello di tossicità risulta letale per gli organismi che popolano le acque.

 

I danni all'ambiente provocati dalle sostanze chimiche organiche, come pesticidi e una gran quantità di prodotti chimici industriali, sono ben noti ma tutti gli studi realizzati finora ne hanno esaminato le conseguenze solo su piccole scale, singoli ecosistemi come boschi o fiumi.

 

Per esaminare gli effetti di questi inquinanti a livello continentale, i ricercatori hanno analizzato la qualità delle acque di oltre 4.000 siti e quantificato il rischio che rappresentano su molti organismi differenti, ossia pesci, invertebrati e alghe.

 

Hanno così scoperto che ben 223 di questi siti risultano inquinati da pesticidi e idrocarburi. Secondo gli autori nel 14% dei casi si tratta di inquinamenti che risultano letali ad ogni tipo di organismo vivente e nel 42% dei casi provocano effetti cronici all'ambiente.

 

I nuovi dati dimostrano sempre più la necessità di adottare nuove misure antinquinamento più stringenti.

 

FONTE: ANSA

 

Nella foto: il fiume Po

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 19 Giugno 2014 12:07

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.