31 maggio, Verona Sud e le (nuove) promesse elettorali

By Maggio 31, 2017 1379 No comment
|| || ||

Il Comitato Verona Sud organizza una serata informativa sulle preoccupanti campagne elettorali dei candidati sindaco alle prossime elezioni amministrative a Verona. C'è chi punta sulla costruzione di nuovi centri commerciali, chi si dice contrario per problemi di traffico ed impatto urbanistico. "Nessuno che pensi alla nostra salute", commentano.

"Altri due centri commerciali in città". E' questo lo slogan elettorale del candidato sindaco Patrizia Bisinella, che preoccupa il Comitato Verona Sud, che hanno inviato alla stampa questo comunicato.

 

Leggiamo dai giornali l’intenzione della candidata Bisinella di proseguire l’opera di costruzione di ulteriori centri commerciali. Apprendiamo dallo stesso articolo la contrarietà degli altri candidati, preoccupati dall’impatto urbanistico, dagli effetti sul traffico e soprattutto dagli effetti sul commercio di prossimità.

Constatiamo con amarezza che ancora una volta la questione SALUTE legata alla qualità dell’aria e all’inquinamento non viene minimamente presa in considerazione da nessuno dei candidati!!! Ricordiamo lo studio della Università di Trento del 2011 pagato dal comune, in cui si evidenzia la necessità di evitare ulteriori attrattori di traffico a Verona Sud.

 

La serata informativa dal titolo "Verona Sud e le (nuove) promesse elettorali" si terrà stasera, 31 maggio,
alle 20:45
nella Sala Civica "San Giacomo" - 5 Circoscrizione - Piazzale Ludovico Scuro a Verona.



Il Comitato avvalora la sua preocupazione alle luce della relazione tecnica n.2/2017 di ARPAV in merito alla campagna di monitoraggio qualità dell’aria condotta nel comune di Verona in via Udine B.go Roma, nelle cui conclusioni si evidenzia chiaramente che i livelli di inquinanti atmosferici legati al fattore traffico veicolare sono sempre superiori a quelli monitorati giornalmente dalle stazioni fisse di c.so Milano e Giarol Grande e nelle cui premesse si evidenzia come il monitoraggio sia stata fatto prima della apertura dei nuovi previsti grandi attrattori di traffico, nonostante tali campagne siano state svolte in periodi di bassa criticità (primavera e autunno), in condizioni ambientali favorevoli alla dispersione delle polveri e sospese in maniera quanto mai sospetta durante i giorni di Fieracavalli (leggi nostro precedente articolo).


Il comitato di Verona sud, allarmato ma non stupito dei risultati acquisiti, chiede all’amministrazione comunale:


- Un piano di monitoraggio continuato e pluriennale, esteso su più punti, da concordare con il comitato stesso, dell’area di VERONA SUD a monte e a valle della autostrada. Il monitoraggio deve comprendere anche le PM 2,5 ancor più pericolose delle PM10
- Utilizzre tutte le misure possibili per la riduzione degli inquinanti
Chiede alla USL20
- Uno screening sanitario sui danni provocati a Verona sud dall’inquinamento atmosferico
- La pubblicazione delle patologie, divise per quartiere di residenza
- La promozione di una VAS che tenga conto della situazione complessiva attuale e dei futuri sviluppi previsti già autorizzati e in corso di autorizzazione.


Agli assessori competenti e al sig. sindaco:
- Il blocco di tutte le preventivate nuove strutture commerciali che siano grandi attrattori di traffico
- L’adozione di un urgente piano straordinario contro l’inquinamento
I cittadini di Verona Sud, hanno il diritto di conoscere per tutelare sé stessi i propri cari e anche le loro proprietà.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 12 Giugno 2017 18:34

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.