Biomasse, saperne di più. Venerdì a Isola della Scala

By Novembre 28, 2013 9967 No comment
|| || ||

Centrali a biomassa: effetti sulla salute e sull'ambiente. Se ne parlerà venerdì 29 Novembre alle 20.45 a Isola della Scala, per fornire maggiori informazioni sul loro funzionamento ed i possibili rischi.

Sulla questione ha presentato un'interrogazione parlamentare la deputata M5S Francesca Businarolo, di Pescantina, che sarà presente all'incontro di venerdì. L'incontro è infatti organizzato dal gruppo M5S di Bovolone, Isola Della Scala, Nogara e San Giovanni Lupatoto.


"Vengono considerati impianti di produzione energetica green e ad impatto zero, utilizzando scarti agricoli e di altre filiere - scrive la Businarolo nel documento presentato -. Rimangono tuttavia molti dubbi sul loro reale funzionamento. Il dato di fatto è che, soprattutto nelle aree ad alta intensità di coltivazioni del Nord, negli ultimi anni c'è stato un vero e proprio boom degli impianti a biogas, che spesso si concentrano in zone specifiche". A sostenere questo trend il fatto che questi impianti sono sostenuti con contributi pubblici da parte, nel caso di Verona e provincia, della Regione Veneto.

 

Nel Veronese ci sono attualmente 40 impianti a biogas, la quasi totalità di nuova costruzione, così riporta il "Bollettino informativo sulle energie rinnovabili", del Gse (Gestore Servizi Energetici). Un numero considerevole, che non si raggiunge nemmeno in alcune intere regioni. In particolare nella zona della bassa pianura sono molto diffusi, come a Gazzo Veronese e Salizzole che ne contano fino a quattro.

 

Il problema è che spesso però vengono alimentate con prodotti coltivati appositamente per questo scopo, con grande consumo d'acqua. "Non va dimenticato, inoltre, che anche le centrali a biogas producono un ulteriore scarto,il digestato, che deve essere smaltito, spesso utilizzato come fertilizzante. A tale riguardo, però, ci sono incertezze dal punto di vista sanitario", riporta il comunicato degli organizzatori.


Sarà il prof. Michele Corti a spiegare cosa prevede la normativa; il dott. Gianpaolo Cordioli parlerà invece di "Inquinamento e qualità dell'aria"; l'Ing. Giuseppe Magro presenterà il nuovo progetto Q-cumber e la sua utilità per la segnalazione abusi ambientali. Introduzione e moderazione sono affidate ad Alberto Zolezzi del M5S.


Con l'interrogazione parlamentare "si chiede di far luce sul numero di impianti a biogas già autorizzati e in corso di autorizzazione e quale sarà la loro produzione energetica annuale. Inoltre si richiede ai ministri un maggior controllo, identificando gli enti competenti per la corretta gestione degli impianti e il corretto spargimento di digestato", conclude il comunicato.


L'incontro di venerdì, che si terrà presso la Sala Civica "Unità d'Italia" (via Cavour 1 ) a partire dalle 20.45, rappresenta un'ottima occasione per saperne di più.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Venerdì, 06 Dicembre 2013 15:52

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Segnalazioni

Hai un evento, una buona pratica o una situazione critica da segnalare?

Scrivici a redazione@veronagreen.it

Ti ricontatteremo al più presto per pubblicare un articolo.