Territorio

Il Comune di Fumane, in Valpolicella, punta sulle pratiche naturali di cura del verde e degli spazi agricoli. Il sindaco Mirco Frapporti ha infatti emesso un'ordinanza lo scorso 8 giugno che vieta, su tutto il territorio comunale pubblico, l'uso di diserbanti contenenti glifosate.

“Costruiremo il Central Park di Verona: un grande polmone verde di 500.000 metri quadri recuperando l’area dell’ex Scalo Merci”. Vediamo insieme cosa prevede il programma del neo-sindaco di Verona Federico Sboarina in tema di sostenibilità, inquinamento e territorio.

Sono iniziate rispettivamente ieri e oggi, le indagini sulla qualità dell’aria a San Pietro in Cariano e Negrar, secondo il piano di attività 2017 portato avanti dall’Agenzia regionale per la protenzione ambientale Veneto.

"Il rapporto del Nucleo Ecologico dei Carabinieri relativo all’inquinamento da PFAS non lascia più alcun dubbio: il comportamento gravemente omissivo tenuto negli anni dall’azienda Miteni a Trissino (VI), dove ha avuto origine l'inquinamento delle acque, non può essere giustificato in alcun modo". Il comunicato appena uscito di Legambiente Verona e Cologna Veneta.

“La salute dei veneti è minacciata da una pericolosa contaminazione da mercurio che interessa circa 500 pozzi d’acqua, tra acquedotti pubblici e reti private. L’area interessata si allarga in modo preoccupante interessando terreni e coltivazioni. In alcuni casi sono state registrate concentrazioni fino a 23 volte superiori il limite consentito.

 

"Altri due centri commerciali in città". E' questo lo slogan elettorale del candidato sindaco Patrizia Bisinella, che preoccupa il Comitato Verona Sud, che hanno inviato alla stampa questo comunicato.

Anche l’Ordine dei Medici di Verona, dopo alcuni medici di Vicenza, dichiara di non aver ricevuto indicazioni su come comportarsi in merito ai risultati delle analisi in corso per quanto riguarda la contaminazione dei pazienti da Pfas.

Mercoledì, 17 Maggio 2017 22:57

Borgo Roma, aria che respiriamo è pessima

Dopo circa un anno e mezzo di richieste all'Ufficio Ambiente del Comune di Verona, sono arrivati i risultati del monitoraggio ambientale a Borgo Roma. “Purtroppo vengono confermati i nostri dubbi: c’è poco da star tranquilli per i residenti di Verona Sud”, commenta il Comitato.

Venerdì, 12 Maggio 2017 14:02

No Tav, il TAR del Lazio respinge il ricorso

Il TAR del Lazio ha rigettato il ricorso presentato dal Coordinamento No Tav Brescia-Verona insieme ad altri 60 soggetti tra associazioni locali e nazionali, aziende e privati cittadini. Ora si va al Consiglio di Stato.

Ha inizio oggi a Pescantina e il 12 maggio a Bussolengo l'indagine sulla qualità dell’aria nei Comuni del nord-ovest veronese, secondo quanto previsto dal piano attività per l'anno 2017. Si tratta della prima campagna di monitoraggio effettuata nel periodo estivo.

Un centinaio di cittadini di Sandrà e dintorni si sono riuniti martedì scorso per opporsi alla realizzazione di un impianto per il trattamento e il recupero di rifiuti, che potrebbe essere costruito a pochi metri dalla zona, precisamente vicino al centro storico della frazione.

Ne hanno parlato anche i media nazionali. In Veneto non piove dal 5 gennaio e le falde acquifere hanno raggiunto i minimi storici dagli ultimi vent’anni. E mentre in molti si preoccupano per il settore agricolo, manca una visione d’insieme per fermare gli effetti disastrosi di questo clima fuori dalla norma.

La concomitanza del Vinitaly con il traffico derivante dal nuovo centro commerciale Adigeo ha paralizzato l’intera zona di Verona Sud durante la mattina di ieri. E con l’ulteriore aumento delle aree commerciali e direzionali, il futuro della zona non si prospetta affatto roseo.

L’arrivo a Verona del colosso svedese dell’arredamento low-cost porterebbe nuova cementificazione nella zona del comune di Verona denominata Marangona. Ma secondo Bertucco di Verona Piazza Pulita si tratta solo di un passo in avanti dal sapore elettoralistico.

Mercoledì, 29 Marzo 2017 17:37

Montorio, Comitato Ambiente citato in giudizio

Il Comitato Ambiente di Montorio è stato citato in giudizio dalla Superbeton per “danno di immagine”, con richiesta di risarcimento di 1 milione di euro. Per gli accusati si tratta di “una inutile azione di forza non rispettosa dei diritti e delle aspettative della popolazione di Montorio”.

"L’acqua del Veneto non ce la beviamo" titola la pagina web della campagna lanciata dell'organizzazione ambientalista per denunciare la contaminazione da PFAS delle acque che giungono ogni giorno, direttamente o indirettamente, nelle case di ben 350.000 abitanti, determinando una vera emergenza sanitaria.

L’inquinamento da sostanze perfluoroalchiliche è arrivato in città. Per l’amministrazione è “tutto sotto controllo” ma, dopo anni di allarme a Vicenza e nell’Est veronese, è successo ciò che molti temevano, con la chiusura - in centro a Verona, zona Stadio – di una cisterna contaminata.

Un'area di oltre 40 ettari è stata messa a disposizione dalla ditta Cementirossi per la realizzazione del nuovo parco naturalistico-didattico intercomunale di Marano di Valpolicella e Fumane.

Lunedì, 13 Febbraio 2017 18:27

Bando Giarol Grande: nuova fumata nera

"Tanta amarezza" da parte del Comitato Giarol Grande, ma non solo, per l'esito negativo anche del secondo bando che avrebbe dovuto trovare un gestore per il famoso fondo agricolo cittadino, e la Fattoria didattica, abbandonati a sè stessi da più di un anno.

Sarebbe la morfologia della Pianura Padana a rendere inevitabile l'inquinamento dell'aria a Verona. È la posizione dell'amministrazione comunale, come risulta da recenti articoli di stampa, criticata dal Comitato Verona Sud che in un recente comunicato torna a far sentire la sua preoccupazione.

Giovedì, 09 Febbraio 2017 20:06

No Tav, diffida a sindaco e alle istituzioni

È assente la valutazione ambientale strategica (VAS) riguardante il nodo di Verona. Con questa motivazione il Comitato contro il disastro Tav ha inviato una diffida a non procedere con l'approvazione della VIA (valutazione di impatto ambientale) del nodo di Verona.

Un flash mob per protestare, seppur in forma carnevalesca, nei confronti delle massime autorità regionali sia politiche che sanitarie, circa il grottesco caso di inquinamento da PFAS. Si è tenuto sabato mattina a Cologna Veneta con attivisti di Legambiente Veneto e del Coordinamento acque libere da Pfas.

Venerdì, 03 Febbraio 2017 13:12

Polveri sottili, raggiunti livelli di emergenza

L'allarme arriva dall'Arpav (Agenzia regionale per la protezione ambientale del Veneto): negli ultimi giorni sono stati registrati livelli record di smog a Verona e provincia, superando la soglia d'allarme di 100 microgrammi per metro cubo. Siamo ora nella fase di criticità 2.

I primi risultati delle ricerche condotte sul Lazzaretto di Verona sono state presentate venerdì 20 gennaio a Palazzo della Gran Guardia a Verona dal FAI – Fondo Ambiente Italiano e dall'Università degli Studi di Verona, con il patrocinio del Comune.

Sono iniziati il 2 novembre i lavori per il taglio di 55 tigli e 2 cedri su via Don Gnocchi, arteria stradale che collega Garda a Costermano. Oltre alla perdita paesaggistica ed ecologica per il territorio, numerose anomalie sembrano caratterizzare questo progetto avviato dall'amministrazione Bendinelli, almeno secondo la denuncia del M5S.

Il 3 novembre si sarebbe svolta una riunione a Palazzo Balbi, a Venezia, con i rappresentanti del governo centrale e l'assessore veneto all'Ambiente Coletto, per alzare i limiti di Pfas nelle acque, dopo le lamentele delle aziende che li producono. "Per salvare poche aziende, Regione e Governo stanno mettendo a rischio la salute di milioni di cittadini".

Dopo il fallimento di quello scaduto il 22 settembre, il Comune di Verona ha pubblicato il nuovo bando per l'assegnazione del fondo agricolo Giarol Grande. "E' probabile che questa sia la volta buona per l'assegnazione effettiva", commenta il Comitato.

Verrà presentato venerdì 21 ottobre a Pedemonte il nuovo Osservatorio per il Paesaggio della Valpolicella, che riunisce ben cinque comuni che aderiscono all'iniziativa: Fumane (capofila), Marano, Negrar, Pescantina e San Pietro in Cariano.

L'ex Arsenale austriaco di Verona, edificio storico unico nel suo genere in Italia, è inserito nel censimento "I Luoghi del Cuore" del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Un'opportunità per mettere fine al suo costante stato di degrado e rilanciare il suo recupero come bene comune. Si può votare online fino al 30 novembre 2016.

Moltissimi prodotti, derivanti da animali abbeverati tramite pozzi inquinati, finiscono sulle tavole dei veneti e dell'Italia intera. La grave realtà è emersa grazie ad un recente servizio televisivo de Le Iene sulla situazione dei Pfas nelle province di Padova, Verona e Vicenza.

Martedì, 11 Ottobre 2016 17:56

Ex scalo merci, nuovo polmone verde di Verona?

Vari comitati di cittadini e associazioni sensibili alle problematiche di salute e vivibilità del territorio stanno portando avanti la richiesta di far diventare l'ex scalo merci di Verona il polmone verde della città. In programma anche una manifestazione il prossimo 22 ottobre.

Ad una settimana dal ritrovamento del corpo senza vita di Kato, giovane Ibis eremita impallinato il primo giorno della stagione venatoria a Punta Ala (Gr), l'8 ottobre scorso un altro Ibis eremita è stato ucciso da un bracconiere e lasciato morire nei pressi di un torrente, stavolta in provincia di Vicenza. La denuncia del Parco Natura Viva di Bussolengo, unico partner italiano del progetto di reintroduzione.

Clima infuocato nell'ultimo consiglio comunale di Verona, per la discussione della proposta di estendere le aree verdi a Verona Sud, avanzata dai consiglieri del Pd e da Mauro De Robertis di Sel. Secondo l'assessore Caleffi, nonostante la moltiplicazione dei centri commerciali in zona, oggi il verde pubblico è aumentato.

Anche il ministero della Salute conferma quanto già riferito dall'Istituto Superiore di Sanità: i pazienti esaminati presentano accumulo significativo di sostanze inquinanti. In corso anche studio su allevatori. E i limiti di legge?

Lunedì, 26 Settembre 2016 16:42

Giarol Grande: bando deserto, tutto da rifare

Sono state valutate questa mattina le proposte di affidamento del Fondo Giarol Grande pervenute in Comune di Verona, dopo la scadenza del bando avvenuta giovedì 22 settembre. L'unica proposta di assegnazione arrivata è stata ritenuta non idonea.

Dopo mesi di attesa, l'8 agosto scorso il Comune di Verona ha pubblicato il bando per l'assegnazione del fondo rustico "Giarol Grande". Molte però le criticità che emergono dal progetto che dovrebbe affidare la gestione dell'area verde, come sottolineano l'omonimo Comitato, Legambiente Verona ed anche il Pd.

Quasi del tutto immutati rispetto al 2015 i risultati dei monitoraggi sul lago di Garda per la sponda veronese: esito negativo ancora una volta, tranne l'anomalia positiva riscontrata a Bardolino. Effettuato per la prima volta anche il monitoraggio delle microplastiche presenti nelle acque.

La decisione è stata presa quasi all'unanimità nel corso dell'ultimo consiglio comunale, lo scorso 21 giugno: i prodotti contenenti glifosate sono stati vietati su tutte le aree comunali di Lazise. Dovranno attenersi anche le ditte private che ricevono l'appalto per lavori pubblici.

Una rete europea di centri culturali indipendenti, siti prevalentemente in spazi industriali dismessi e riqualificati (ex fonderie, mattatoi, fabbriche, scuole, stazioni, caserme, stamperie, magazzini, e non ultimo due navi): quest'anno presso la sede dell'Associazione Interzona si terrà l'82° Meeting Europeo di Trans Europe Halles.

Il progetto del "nuovo" collettore del Garda ha troppi punti oscuri e troppe criticità. A dirlo sono il consigliere regionale M5S Manuel Brusco e la parlamentare Francesca Businarolo. "Dato il progressivo degrado delle qualità delle acque lacustri, dal 2014 il M5S si è interessato a questo progetto tramite un gruppo di lavoro interregionale ravvisandone purtroppo troppi punti oscuri e criticità".

"Non ci aspettavamo assolutamente una risposta così viva e partecipata da parte dei Montoriesi alla manifestazione". Commenta così la fitta partecipazione alla fiaccolata di mercoledì sera il Comitato Ambiente Montorio, organizzatore dell'iniziativa contro la minaccia di inquinamento ambientale da bitume a Montorio.

La Commissione parlamentare di inchiesta su illeciti ambientali ha ricevuto la settimana scorsa il presidente di Legambiente Veneto, Luigi Lazzaro, con il portavoce del Coordinamento Acque Libere da Pfas, Piergiorgio Boscagin, sulla grave situazione di criticità che sta intessando larghe fasce di popolazione in Veneto.

La Regione Veneto sostiene le nuove imprese del settore turistico, anche complementari a quello tradizionale, con finanziamenti per lo sviluppo di progetti di cicloturismo e turismo enogastronomico. il bando scade il 20 settembre 2016.

Martedì, 14 Giugno 2016 18:50

Legnago, aria meno inquinata ma non basta

Gli ultimi dati rilevati dalla centralina dell'Arpav di via Togliatti a Legnago segnalano un miglioramento della qualità dell'aria rispetto al 2015, "annus horribilis" per l'inquinamento atmosferico. Ma i livelli di Pm10 nell'aria però restano ancora i più alti della provincia.

La nuova norma contro le ecomafie e l'eco-criminalità è stata al centro del dibattito che si è tenuto venerdì 13 maggio al Polo Universitario di Santa Marta, con la partecipazione (tra gli altri) del direttore generale di Legambiente Stefano Ciafani e del Procuratore aggiunto di Verona Angela Barbaglio.

Lunedì, 16 Maggio 2016 19:23

Consumo di suolo, Verona prima in Veneto

Una recente ricerca della società Theorema, commissionato da Confartigianato Veneto, ha evidenziato il triste primato della nostra provincia, con il 20% del totale urbanizzato dell'intera regione. Proprio mentre la Camera approva il disegno di legge sull'uso del suolo, già al centro di polemiche da parte di ambientalisti ed esperti urbanisti veronesi.

Mercoledì, 27 Aprile 2016 15:33

Tav a San Michele: un progetto da rifare?

Sono in corso da alcuni giorni dei lavori di carotaggio in pieno centro a San Michele Extra, in Piazza del Popolo: si tratta di "indagini geognostiche" in ritardo per la realizzazione del TAV Verona-Vicenza, denuncia il Comitato No Tav che questa mattina era in presidio davanti alle trivelle.

Sono stati presentati pochi giorni fa i primi risultati derivanti dallo studio di biomonitoraggio che la Regione Veneto ha realizzato con l'Istituto Superiore di Sanità relativamente all'inquinamento da sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) rilevato nelle falde acquifere di alcune aree del territorio. Un solo comune veronese selezionato.

Per far fronte all'emergenza ambientale conseguente alla prevista realizzazione di 400.000 mq di aree commerciali, il Comitato di Verona Sud appoggia la cosiddetta "Variante Verde", proposta da Pd e Sel per aumentare il verde pubblico a Verona sud.

Un'occasione mancata quella del referendum abrogativo di domenica 17 aprile, per chiedere un cambiamento nella politica energetica del nostro paese. Per il Comitato veronese "Vota sì per fermare le trivelle": "Non sarà certamente il mancato raggiungimento del quorum a fermare il modello energetico del nostro paese.

Ciclo dell'acqua, rischio idraulico, energie rinnovabili e i cambiamenti climatici in corso, che mettono a dura prova il nostro territorio. Sono gli argomenti trattati, per la settimana della Bonifica 2016, nell'incontro con gli alunni di una scuola media di Bussolengo dal Consorzio di Bonifica Veronese.

Un progetto dedicato ai giovani, che ha come obiettivo finale la promozione del territorio in un'ottica di turismo sostenibile. Si intitola "Povegliano si presenta tra passato e futuro" e sarà reso possibile grazie ad un contributo assegnato al Comune di Povegliano V.se dalla Regione Veneto.

Il 17 aprile l'Italia sarà chiamata a votare per il Referendum contro le Trivelle in mare. Nell'inquietante silenzio delle Regioni, incluso il Veneto, e con il governo Renzi che invita vergognosamente a disertare le urne, associazioni, comitati, studenti, sindacati, nonché singoli cittadini di Verona hanno costituito il comitato "Vota sì per fermare le trivelle".

Lunedì scorso la tratta sublacuale in vetroresina per la depurazione del Lago di Garda si è sollevata dal fondale per decine di metri davanti a Lazise. Immediata la polemica tra amministratori e opposizione: "Servono soluzioni subito".

Una terribile tragedia ha colpito lo scorso weekend una nostra lettrice, che ci ha scritto per denunciare la presenza di veleno sparso irresponsabilmente sulle rive del basso Garda per eliminare le nutrie. La cagnolina è morta in poche ore.

È corsa contro il tempo. Persi tre mesi per le complessità dell'iter di finanziamento dell'opera, per gli otto Comuni interessati rischia ora di essere compromessa la possibilità di presentare in tempo, cioè entro il 30 giugno, il bando di affidamento dei lavori.

Nella primavera scorsa alcune associazioni ambientaliste furono informate sulla necessità di intervenire sui tre platani presenti tra via Mameli e via Cesiolo, relitti verdi di una città poco sensibile e attenta al verde urbano. Legambiente Verona fa il punto sulla (assenza di) politica per il verde urbano a Verona.

Il termine per presentare le osservazioni al progetto Tav Verona-Vicenza è scaduto il 5 marzo ma la Valutazione di impatto ambientale (Via) in corso non rispetta la delibera del Cipe. Sono state riscontrate inoltre gravi criticità per la falda acquifera, in un territorio ricco di acque sotterranee com'è l'est di Verona.

A un anno dall'assegnazione dei fondi della Regione, hanno preso il via in questi giorni i lavori per la valorizzazione del parco del Pontoncello: l'oasi verde di 350mila metri quadri attraversata dall'Adige, sui territori di tre comuni - San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo e Zevio – sarà gestita da Legambiente.

Il Coordinamento delle Sezioni Provinciali Venete di ISDE Onlus -Medici per l'Ambiente interviene sulla preoccupante questione dell'inquinamento delle acque e della catena alimentare da Pfas, condividendo le preoccupazioni e perplessità della Commissione tecnica che si è riunita il 13 gennaio scorso.

"InCatch" è l'innovativo progetto a favore della tutela del lago di Garda finanziato da Horizon2020 nel settore "Water research and innovation": flotte di droni acquatici intelligenti, tecnologie robotiche, trattamenti avanzati delle acque meteoriche permetteranno il monitoraggio e la gestione del nostro bacino.

Un incontro in Comune venerdì scorso, con l'assessore all'Ambiente Enrico Toffali, ha permesso di parlare della situazione del Parco Adige Sud e del fondo Giarol Grande. Ciò che preoccupa il Comitato è l'attuale assenza di un presidio, ora che la Cooperativa 8 marzo ha terminato il mandato per la gestione della fattoria didattica.

Legambiente Verona prosegue la campagna di monitoraggio dell'inquinamento e delle polveri sottili in città e in provincia per denunciare la pessima qualità dell'aria e i conseguenti rischi per la salute.Dopo la denuncia di fine dicembre sulle altissime concentrazioni di PM10 a Verona, ecco i risultati dei monitoraggi, tra dicembre e gennaio, in zona Corso Milano e Villafranca.

Dopo il successo di partecipazione all'evento del 6 febbraio scorso, il presidente del Comitato Giarol Grande fa il punto sulla gestione di questa vasta area verde nel cuore di Verona, che rischia di cadere in abbandono, e sulle attività dei gruppi che si stanno volontariamente occupando di mantenerlo in vita.

Anche quest'anno Legambiente propone la campagna "Pm10 ti tengo d'occhio", che stila la classifica dei capoluoghi italiani in base ai risultati delle centraline di monitoraggio. In Veneto il 92% di queste hanno superato il limite dei 35 giorni consentiti. Anche Verona ha ottenuto risultati davvero poco lusinghieri: il 2015 si è concluso all'insegna dell'emergenza smog, ma la situazione a gennaio 2016 non è migliorata.

Il nuovo sistema fognario del più grande lago d'Italia è un mosaico senza tessere. Sebbene se ne parli e discuta da anni, una delle future opere fondamentali per la salubrità del Garda e del suo territorio resta un'incognita senza punti fermi.

Il riscaldamento globale sta colpendo anche il Lago di Garda: in dieci anni la temperatura delle acqua di profondità è aumentata di ben un grado. Lo rivela una ricerca internazionale che ha studiato 235 laghi di tutto il pianeta. 

Il progetto di un impianto idroelettrico sul fiume Adige, tra i comuni di Terrazzo e Badia Polesine, che tanta opposizione aveva suscitato tra comitati ma anche Amministrazioni locali, è stato respinto ufficialmente a novembre scorso. Ora però arriva il ricorso della ditta proponente, la Lagarina Hydro srl. Il territorio è di nuovo a rischio? Inaugurato intanto da Agsm il primo dei quattro impianti idroelettrici a Belfiore.

Il presidente di Legambiente Veneto lancia un appello per l'Osservatorio ambiente e legalità di Venezia, il progetto dell'associazione - oggi a rischio chiusura - nato nel 2012 per far conoscere e contrastare le infiltrazioni mafiose in Veneto.

Gli effetti del riscaldamento globale continuano a manifestarsi anche sul nostro territorio. A partire dalla montagna, dove negli ultimi mesi si stanno registrando temperature ben al di sopra delle medie stagionali. Prendiamo ad esempio il monte Baldo, dove il clima è sempre più bollente. Ecco i dati dell'osservatorio meteorologico.

È stato accolto come un accordo storico, una svolta nella lotta al cambiamento climatico. Ma, tra scienziati e ambientalisti, sono in molti ad essere delusi e preoccupati per il risultato della COP21 di Parigi. Ecco l'opinione di alcune associazioni veronesi che hanno partecipato alla Marcia per il Clima del 29 novembre.

Martedì, 15 Dicembre 2015 00:15

Lazise, istanza in Comune contro i pesticidi

Dopo il ritrovamento, la scorsa estate, di alcuni terreni in cui era stato fatto largo uso di pesticidi, vicini a pozzi di approvvigionamento di acqua potabile, con il rischio concreto di penetrazione nelle falde acquifere, la scorsa settimana è stata inviata all'Amministrazione una richiesta per vietarne l'uso sul territorio comunale.

Giovedì, 10 Dicembre 2015 11:45

Misure anti-smog necessarie. Verona che fa?

Dopo due settimane consecutive di polveri sottili e Pm10 alle stelle, dalla Provincia di Verona arrivano nuove misure per tentare di ridurre lo smog. Mentre città come Torino e Milano offrono i mezzi gratis in città, le strategie applicate qui sembrano davvero insufficienti a contrastare l'emergenza.

Mercoledì, 09 Dicembre 2015 17:19

Progetto lupi in Lessinia, la Regione dice no

Il Consiglio Regionale Veneto ha respinto il progetto europeo di tutela dei lupi in Lessinia "Life Wolf Alps", con strategie di convivenza con l'uomo e soprattutto gli allevatori. "Non è accettabile perdere opportunità di questo genere, che mostrano un'immagine in Europa non degna del popolo Veneto": è il commento dei consiglieri regionali del PD che avevano presentato la mozione.

E' sempre più alto l'allarme smog a Verona. Dopo i recenti preoccupanti dati forniti dall'Arpav, anche Legambiente lancia la campagna Mal'Aria, per monitorare la qualità dell'aria: verranno installate centraline di misurazione delle polveri sottili anche in provincia, a Villafranca e a San Giovanni Lupatoto.

Campioni di uova, pesci, bovini, insalata e ortaggi hanno confermato che gran parte del Veneto centrale è fortemente inquinato dalle sostanze perflouoro-alchiliche (PFAS), usate nell'industria per impermeabilizzare tessuti e materie plastiche. Ecco alcuni dati recenti ottenuti grazie all'accesso agli atti del Consigliere regionale M5S Manuel Brusco.

Cento interventi che hanno portato 13 milioni di euro sul territorio coinvolto. Sono questi i risultati del Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 realizzato dal GAL Baldo-Lessinia, nato nel 1994 e illustrati giovedì scorso all'inaugurazione della nuova sede di Grezzana.

Dall'estate 2014 ad oggi, Legambiente ripercorre le vicende legate alle predazioni dei lupi in Lessinia, le proteste degli allevatori e l'iniziativa per ricomporre la frattura che si era creata, denominata "Notti da Lupi", con decine di volontari coinvolti per presidiare di notte le malghe.

Centinaia di persone hanno partecipato alla manifestazione di oggi per le vie del paese valpolicellese per dire l'ennesimo no alla riapertura della discarica di Ca' Filissine: un sito sotto sequestro da nove anni per la cui bonifica non si trova una soluzione. L'amministrazione e i cittadini del Comune di Pescantina sono lasciati soli a risolvere questa delicata questione.

Lunedì, 09 Novembre 2015 19:37

Caldo anomalo, novembre da spiaggia sul Garda

È una preoccupante estate autunnale quella che sta colpendo in questi giorni l'Italia e tutta l'Europa. La nostra zona non è da meno, tanto che ieri – a chi ha scelto di passare la domenica sul lago di Garda - si è presentato un insolito scenario per il mese di novembre, con tante persone in costume da bagno e addirittura qualche bagnante.

Sono 24 a Verona e provincia gli alberi dichiarati monumentali secondo la legge regionale 20/2002. Dalla Lessinia alla città, dal Garda Baldo alla Valpolicella passando per la Val d'Adige, forniscono sicuramente nuove occasioni per il turismo fuori porta domenicale.

Sale di qualche posizione, passando dall'ultimo al terzo posto tra le città del Veneto, Verona nel rapporto 2015 di Legambiente "Ecosistema Urbano". A livello nazionale si piazza 32esima, salendo dal 55° posto dello scorso anno. Ma è solo casualità, gli aspetti importanti della vivibilità ambientale cittadina continuano a essere trascurati.

La mega area per la logistica delle merci di 783mila metri quadrati prevista a Vigasio dovrà ottenere una nuova valutazione d'impatto ambientale (Via). È quanto ha stabilito il Consiglio di Stato in risposta al ricorso della Serenissima Sgr Spa. Soddisfazione del sindaco del comune Povegliano, da tempo impegnata per minimizzare l'impatto sul territorio di quest'opera.

Ha appena raggiunto quota 600 la raccolta firme lanciata dal neo costituito Comitato referendario di Pescantina per cercare di fermare il progetto "shock" di riapertura per almeno 15 anni della discarica di Ca' Filissine, per permetterne finalmente la bonifica.

Con l'autunno torna in Italia la paura delle alluvioni. "Le variazioni del clima e delle intensità delle piogge non sono all'origine del dissesto idrogeologico. Le cause sono di natura antropica". Ecco l'ultimo commento di Giorgio Massignan, urbanista e presidente di VeronaPolis, che si domanda (numeri alla mano) il perché di tante nuove costruzioni sulle colline della Valpolicella.

L'incenerimento è la peggiore delle soluzioni per lo smaltimento dei rifiuti. Con questa motivazione, un folto gruppo di manifestanti ha partecipato, martedì 8 settembre in Piazza dei Signori, al presidio promosso dall'associazione Salute Verona davanti alla sede della Prefettura.

"Per scongiurare il fallimento del Piano degli Interventi, l'assessore alla pianificazione intende agevolare burocraticamente ed economicamente la cementificazione del territorio". Un nuovo commento di Giorgio Massignan, presidente di VeronaPolis.

Uno spaventoso incendio è scoppiato domenica mattina, intorno alle 12, nell'impianto di recupero rifiuti e compostaggio gestito dalla ditta Fertitalia a Villabartolomea. Sul posto sono intervenuti i tecnici di ARPAV Verona (l'agenzia regionale per la protezione ambientale), subito allertati dell'emergenza.

Brutte notizie per gli appassionati di bagni sul Lago di Garda:  la Goletta dei Laghi, campagna nazionale di Legambiente per la tutela dei bacini lacustri italiani, è tornata a far visita alle nostre spiagge e stamattina ha reso noti i risultati dei monitoraggi effettuati sulla sponda veronese. L'esito è ancora una volta negativo: "Sembra che non si sia mosso un dito per un intero anno".

L'incendio doloso che ha colpito la Veronesi Spa, con danni per milioni di euro, è un fatto gravissimo. Le prime indagini avrebbero attribuito l'attentato ai movimenti No Ogm, ma il Coordinamento ZeroOgm – che in diverse occasioni ha preso di mira la ditta che produce mangimi animali nelle sue manifestazioni – si è dissociato pubblicamente da questo gravissimo episodio di violenza.

Disastro ambientale a Ronco all'Adige, dove è stata scoperta una discarica abusiva di rifiuti industriali contaminati da amianto, idrocarburi e prodotti chimici proprio all'interno dell'oasi naturalistica di Casino Riva. La falda acquifera potrebbe essere gravemente inquinata con sostanze tossiche per la salute.

È nata ufficialmente venerdì scorso 12 giugno "VeronaPolis", un'associazione apartitica che si propone di tutelare il patrimonio urbanistico, architettonico, paesaggistico, storico, artistico, ambientale e naturale del territorio veronese. L'intento è di contribuire a facilitare il compimento di una collaborazione sinergica tra i diversi componenti associativi che operano nei settori sopracitati e per gli stessi obiettivi.

La cinta muraria di Verona, dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità, merita di essere riqualificata e valorizzata. All'interno del sito del Turismo di Verona è ora possibile trovare tre nuovi itinerari storici che hanno anche l'obiettivo di promuovere nuove forme di turismo sostenibile, a piedi o in bicicletta, per i visitatori stranieri ma anche per noi cittadini.

Salviamo il Paesaggio, Legambiente, WWF e VeronaPolis si sono unite lo scorso 26 maggio in Sala Lucchi a Verona per discutere del futuro che potrebbe attenderci alla luce dei piani regionali provinciali e dei PAT. Insieme alle quattro associazioni ambientaliste hanno partecipato al dibattito anche alcuni candidati alle elezioni regionali.

Si è sbilanciato il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, che ieri ha incontrato a Pressana (VR) i sindaci dei comuni veronesi e vicentini coinvolti dal grave problema di inquinamento delle acque di falda: la promessa è quella di dare finalmente una risposta a chi chiede che la dispersione di sostanze chimicheperfluoro-alchiliche venga limitata per legge.

Circa 12mila litri di gasolio si sono riversati ieri, lunedì 25 maggio, sulla strada provinciale che collega Bovolone a Oppeano, in prossimità di via Villafontana, per il ribaltamento di un'autocisterna articolata: il rischio di inquinamento sembra essere stato arginato, ma resta il pericolo costante che questo tipo di materiale rappresenta per l'ambiente.

Stop all'utilizzo di diserbanti per la gestione delle piante infestanti su strade, marciapiedi, giardini e aree verdi comunali. Una scelta già presa da tempo nel Comune di Povegliano Veronese, ma ufficializzata nel consiglio comunale del 20 maggio scorso con la mozione presentata dal sindaco Anna Maria Bigon.

Mercoledì, 20 Maggio 2015 21:30

Frana a Malcesine: "Basta costruzioni"

Tremila metri cubi di terra si sono staccati sabato dal Monte Baldo, nel territorio di Malcesine, a causa di una frana che ha travolto il sentiero 13, fortunatamente senza provocare feriti. L'allarme ora riguarda il nuovo Piano di assetto del territorio che, denuncia il presidente di Legambiente Verona, deve impedire nuove costruzioni.

Il presidente dimissionario dell'associazione Italia Nostra di Verona, Giorgio Massignan, ha costituito recentemente VeronaPolis, un gruppo di studio sulle questioni urbanistiche della nostra città. Un osservatorio che intende essere attento a quello che accade sul nostro territorio, in particolare a Verona Sud, dove si sta consumando "la più pesante speculazione edilizia che la nostra città ricordi".

Mobilitazione delle associazioni ambientaliste alla notizia della volontà di costituire un Osservatorio del Paesaggio della Valpolicella, che vede alleati i Comuni con il Consorzio Tutela Vini, escludendo esplicitamente chi da anni si occupa di difenderne il territorio.

Abbiamo ricevuto una segnalazione sui monitoraggi ambientali realizzati dal Comune di Sommacampagna, siamo quindi andati a verificare l'effettivo superamento dei limiti di legge per quel che riguarda i valori di Pm10 ma anche l'inquinamento acustico, sentendo anche il parere dell'amministrazione. Ecco cosa ne è emerso.

Un parco, una fattoria didattica, orti urbani e un'area naturalistica di forte interesse. È il progetto Giarol Grande a Verona, tra Porto San Pancrazio e San Michele Extra: un programma per incrementare l'utilizzo da parte dei cittadini di una vasta zona verde inserita nel parco Adige Sud di Verona. A che punto sono le attività per concretizzarne la realizzazione?

Il Comitato Anti-Discarica di Quaderni, San Martino per l'Ambiente e il Comitato Tutela Territorio, hanno denunciato oggi in una conferenza stampa insieme a Legambiente Verona il "bilancio fallimentare delle politiche ambientali della Regione Veneto in cinque anni di attività".

La polemica per la costruzione del Treno Alta Velocità (Tav) Brescia-Mestre si è spostata a Verona Est, dove a San Bonifacio si discute sul tracciato meno impattante per l'ambiente e la salute dei cittadini. Sud, centro o nord? Per il Comitato Cittadini contro il disastro Tav è "una guerra tra poveri".

Troppi precedenti giudiziari tra gli interlocutori per la bonifica e messa in sicurezza della discarica di Ca' Filissine a Pescantina. La denuncia arriva dal locale Movimento 5 Stelle che ha ricevuto nei giorni scorsi risposta all'interrogazione presentata al Comune. "Non ci sono i presupposti legali per recedere il contratto", replica il sindaco Cadura.

Il presidente dimissionario dell'associazione Italia Nostra Verona è intervenuto mercoledì 18 marzo al Forum ‪Ecologico‬ del Monastero del Bene Comune di Sezano con una relazione su "La città come luogo di vita". Ne è emersa una serie di proposte concrete che potrebbero delineare una Verona nuova: "La Città che Vorremmo".

I temi dell'ambiente e del territorio sono stati protagonisti la scorsa settimana di una serata nel quartiere di Borgo Roma, per chiedere di mettere fine anche a Verona ai reati ambientali e alla cementificazione. Protagonisti Lorenzo Albi, presidente di Legambiente Verona, e Anna Maria Bigon, sindaco di Povegliano in corsa come consigliere regionale.

A un anno e mezzo dall'inaugurazione del parco – avvenuta il 22 settembre 2013 – i Comuni di San Giovanni Lupatoto, Zevio e San Martino Buon Albergo possono contare su un cospicuo contributo regionale, che permetterà di valorizzare l'oasi naturale di 350mila metri quadrati che si sviluppa lungo il fiume Adige, a cavallo fra i tre enti. Coinvolta anche Legambiente Verona. Primo incontro il 19 marzo.

ISDE-Medici per l'Ambiente ha lanciato un'indagine epidemiologica online sulla popolazione di Vicenza e Verona potenzialmente contaminata dai Pfas, da anni presenti nell'acqua delle falde: è quanto emerso dal nuovo incontro sulla grave questionedi questo grave inquinamento che si è svolto a Cologna Veneta il 26 febbraio scorso.

Il Comitato Pestrino-Palazzina da Salvare si è scagliato contro il quotidiano L'Arena per un articolo sulla presunta "eco sostenibilità e protezione dell'ambiente" del nuovo supermercato Migross in via Palazzina, accusato invece dal gruppo di protesta di essere l'ennesimo colpevole di consumo di suolo e cementificazione.

Più di 100 persone, rappresentanti dei comuni coinvolti, di aziende agricole e associazioni, hanno partecipato all'incontro di progettazione partecipata organizzato dalla Regione Veneto venerdì 20 febbraio per sviluppare insieme idee e opportunità intorno ad un'importante ciclopista nell'ambito del bando europeo Rurbance (Rural Urban Governance).

Nonostante la pioggia battente, una folla numerosa ha partecipato sabato alla marcia popolare No Tav a Peschiera del Garda, organizzata dai comitati di protesta di Verona e di Brescia. Molte le autorità presenti, tra cui i sindaci di Peschiera , di Cavaion Veronese e di Medole (MN).

Giorgio Massignan, presidente della sezione di Verona di Italia Nostra, si è dimesso. Lo ha annunciato lui stesso alla stampa, "con amarezza e delusione, dopo oltre trent'anni di militanza attiva", in un comunicato inviato oggi pomeriggio. Ecco cosa è successo all'interno dell'associazione ambientalista per portarlo a questa decisione.

Tra Bardolino e Cavaion sorge la Valsorda, un'area verde molto bella che è purtroppo trascurata, con un percorso della salute abbandonato che sta diventando quasi inagibile e pericoloso da percorrere e cumuli di immondizia nel sottobosco. Una di quelle zone della provincia di Verona che necessiterebbero di una significativa riqualificazione ambientale. Ecco il nostro punto della situazione.

L'Alta Velocità sconvolgerà il territorio già martoriato tra le province di Brescia e Verona. Anche la piccola oasi naturale del Lago del Frassino, a Peschiera del Garda, rischia di scomparire – denunciano in un comunicato congiunto le associazioni animaliste e ambientaliste del territorio, che hanno organizzato una passeggiata di protesta popolare il 14 febbraio dalle 14.

È Legnago il comune veronese che lo scorso anno ha registrato la peggiore qualità dell'aria, superando per ben 48 giornate il limite di 50 microgrammi di Pm10 per metro cubo d'aria. Seguono Verona-C.so Milano e Verona-loc. Cason mentre San Bonifacio, al quarto posto dei sei monitorati attraverso le centraline Arpav, recupera rispetto al 2013.

"Logistica, il futuro di Verona". È stato questo il titolo della tavola rotonda che si è svolta all'inizio della settimana scorsa presso la Provincia di Verona sulla stesura in corso del Piano Nazionale della Logistica. Il comitato "Cittadini contro il disastro TAV", coordinato da Daniele Nottegar, non si è fatto sfuggire l'occasione e si è presentato con i propri volantini di protesta per ricordare che i fondi per finanziare l'opera non sono affatto certi.

Il 2015 si è aperto con una buona notizia. La Regione Veneto ha stanziato un finanziamento complessivo di 527 mila euro ai comuni veronesi di Pescantina e Valeggio sul Mincio, per contribuire risolvere le gravi situazioni che riguardano le rispettive discariche per rifiuti solidi urbani, presso le quali devono essere effettuate operazioni di gestione del percolato.

Una petizione contro le battute di caccia organizzate per abbattere i cinghiali presenti all'interno dell'ex forte di Monte Mamaor, con l'appoggio del Comune di Valeggio. La prima si è svolta il 16 dicembre scorso, un'altra è in programma per martedì 23. "Chiediamo al Comune di valutare ipotesi più rispettose dell'ecosistema e della biodiversità".

Dopo la bocciatura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione-ANAC della modifica di progetto per il collegamento autostradale delle Torricelle (che Technital sperava di poter realizzare ad una sola canna), rinnoviamo alcune considerazioni sulla natura di quest'opera e l'impatto che potrebbe avere sul territorio.

Lunedì, nella sala stampa del comune di Verona, il comitato "Cittadini contro il disastro TAV" ha fatto il punto della situazione sulla TAV ed in particolare sui fondi necessari per finanziare questa grande opera. Secondo il ministro Lupi, la copertura economica per realizzare l'opera c'è ma la documentazione ufficiale lo smentisce.

Analisi dell'acqua, dell'aria, dei campi elettromagnetici oltre ad un'indagine per monitorare la dispersione di calore degli edifici ed un test per la presenza di radon. Il progetto La Scuola Verde di Legambiente Verona ha visto la partecipazione di 9 scuole della Provincia di Verona. Ecco i risultati.

Martedì, 09 Dicembre 2014 17:10

Centrali a biomassa, per capirne di più

Scarti di macellazione, scarti di concerie, residui colturali e sottoprodotti industriali. Sono queste le biomasse che vanno ad alimentare le centrali sempre più diffuse nel nostro territorio, con alcuni rischi connessi alla salute. Se n'è parlato venerdì 5 dicembre a Nogara, con il prof. Michele Corti e il dott. Vincenzo Cordiano di Isde Vicenza (associazione Medici per l'Ambiente).

I fenomeni meteorologici di questi ultimi periodi, uniti alle frane verificatesi nel passato recente nella zona di Grezzana, fanno riflettere sulla condizione attuale dell'attività estrattiva veronese. Facciamo il punto sulla normativa in vigore in Veneto per la tutela dei cittadini e del paesaggio.

Mercoledì, 19 Novembre 2014 23:59

NO TAV Brescia-Verona, alternativa esiste

"Perchè pagare il doppio per avere la stessa cosa?" E' con questa provocazione che il coordinatore del gruppo "Cittadini contro il disastro TAV", Daniele Nottegar, sta promuovendo un progetto alternativo alla TAV Brescia-Verona, presentato lunedì in municipio a Verona.

Mercoledì, 19 Novembre 2014 22:00

Report torna a Verona per le frane di Alcenago

A un anno dal nostro articolo di denuncia, anche il programma di inchiesta di Rai 3 Report, condotto dalla giornalista Milena Gabanelli, è venuto nella nostra provincia per approfondire il caso della collina franata (e delle numerose altre voragini) in località Alcenago, sopra Grezzana.

Dopo l'allarme diffuso in trenta comuni dell'Est veronese e vicentino per gli alti valori di Pfas riscontrati in alcune riserve idriche, il Coordinamento Acqua Libera da Pfas (che include anche Legambiente) ha deciso di presentare un esposto alle Procure di Vicenza e Verona. La presentazione alla stampa si è svolta ieri, lunedì 17 novembre 2014, nella sede di Vicenza dell'associazione.

Circa 4.000 nuove abitazioni previste in una decina di comuni della Lessinia, per un totale di 9.000 nuovi abitanti. Dopo anni di abbandono e spopolamento, le Pubbliche Amministrazioni dei comuni della montagna veronese propongono di arginare l'emorragia con una nuova folle pianificazione urbanistica.

L'anno scorso erano stati segnalati per il premio Sviluppo sostenibile, quest'anno i tre giovani veronesi fondatori dell'azienda Bio Soil Expert sono tornati ad Ecomondo Rimini con uno stand tutto loro, dove hanno presentato il nuovo prodotto Agri-BioBed: la soluzione biologica per depurare terreni e aziende agricole dai residui di pesticidi.

Da una parte la riunione con i sindaci, dall'altra le proteste dei comitati. La sede della Provincia di Verona è stata protagonista della mattinata di oggi: sotto i riflettori, ma con visioni opposte, la questione della linea ferroviaria ad alta velocità TAV ormai alle porte, un'opera di impatto devastante per il territorio.

Dopo il sequestro della settimana scorsa di un'area di circa 300mila metri quadrati nel cui sottosuolo sarebbero state sepolte tonnellate di rifiuti tossici, a Ronco all'Adige – nella Bassa Veronese – è scattato l'allarme legato alla potabilità dell'acqua. Ma il sindaco rassicura.

La Provincia di Verona riunirà i sindaci di Peschiera, Castelnuovo del Garda, Sona e Sommacampagna - interessati dal passaggio del Treno ad Alta Velocità, linea Milano Verona - per tentare di coordinare le osservazioni dei sindaci in vista della decisione finale sul progetto della TAV.

Si è dato il 31 dicembre come termine massimo il sindaco di Pescantina, Luigi Cadura, per trovare una nuova ipotesi di soluzione per le gravissime condizioni della discarica Ca' Filissine di Pescantina, per risolvere la quale è stata chiamata in causa anche una commissione d'inchiesta: sei parlamentari che martedì hanno visitato il sito.

Lunedì, 27 Ottobre 2014 19:12

Verona peggiore Ecosistema Urbano in Veneto

Inquinamento atmosferico a livelli d'emergenza e tasso di motorizzazione sempre in crescita: sono queste alcune delle le caratteristiche negative di cui purtroppo i centri urbani italiani non riescono a liberarsi, secondo il rapporto annuale di Legambiente, Ambiente Italia e IlSole24Ore "Ecosistema Urbano 2014". Ecco la triste fotografia che ne emerge della nostra città.

L'Alta Velocità non si ferma. Il Governo nella nuova legge di Stabilità ha previsto uno stanziamento di 1,5 miliardi di euro per la tratta Brescia-Verona della Tav, che si aggiungono ai 700 milioni incassati dallo Sblocca Italia e che finanzia l'opera per oltre due terzi. I vertici del ministero hanno confermato che la strada è segnata: il tracciato non si cambia e al più presto devono essere aperti i lavori.

Oltre cinquecentocinquanta spazi per una superficie complessiva di 2.636.570 metri quadrati: è questo il risultato della mappatura dei luoghi in disuso del Comune di Verona, recentemente completata dall'associazione A.G.I.L.E. e disponibile online sul loro sito dal 13 Ottobre. Un modo per sensibilizzare cittadinanza e istituzioni sull'importanza della ricoperta da questi luoghi.

"Un'opera devastante dal punto di vista economico e ambientale". La futura autostrada che dovrebbe collegare la Bassa Veronese con il litorale Adriatico è fortemente contestata da numerosi comitati locali, supportati dal forum "Salviamo il Paesaggio" e da Legambiente che lunedì si sono fatti sentire con un sit-in di protesta.

Colpo di scena sulla vicenda della ciclopista di Malcesine. Il progetto riguardante il tratto che passerà dal paese gardesano è stato bocciato dalla Soprintendenza dei Beni Architettonici e Paesaggistici di Verona. La Soprintendenza ha respinto in toto il piano del Comune: tra le principali motivazioni, le 45 magnolie in viale Roma che si intendeva abbattere.

Ultim'ora: poche ore dopo aver pubblicato questa notizia, è arrivata la decisione del Tar del Veneto. Sospesa l'ordinanza con cui il sindaco Flavio Tosi autorizzava "chiunque, in situazioni di pericolo per sè o per altri, a difendere la propria ed altrui incolumità con l'abbattimento dell'animale".

 

Giovedì, 02 Ottobre 2014 13:48

Nuovo bicigrill in progetto al parco all'Adige

"Valorizzare il cicloturismo e la frequentazione di due gioielli verdi del nostro territorio, il parco all'Adige e di Pontoncello: con questi obiettivi sorgerà il nuovo bicigrill, una struttura ad altissima qualità architettonica e un punto di ritrovo per la comunità lupatotina e per gli appassionati della bicicletta". Così il sindaco di San Giovanni Lupatoto Federico Vantini saluta il progetto appena approvato.

"Assurdo, inutile e distruttivo del paesaggio e dell'ambiente". Così Giorgio Massignan, presidente di Italia Nostra Verona, definisce il progetto della ciclopista del Garda che attraverserebbe il centro storico e il lungolago di Malcesine, sollecitando un intervento della Soprintendenza dei Beni Architettonici e Ambientali per bloccare l'opera.

Giovedì, 02 Ottobre 2014 12:38

Qualità aria, azioni per il prossimo inverno

Secondo il nostro assessore all'Ambiente, per la prima volta in dieci anni la qualità dell'aria nella provincia di Verona si può definire soddisfacente. A dispetto quindi delle rilevazioni di Legambiente di marzo, la Provincia non prevede misure aggiuntive rispetto all'anno scorso.

Ne abbiamo parlato l'ultima volta due mesi fa, ma da allora nulla è migliorato alla discarica Ca' Filissine di Pescantina, sotto sequestro dall'agosto 2006. Lo smaltimento del percolato è fermo da luglio, è ormai ha superato i 35 metri di altezza.

Dopo quasi vent'anni di semi abbandono, invaso dalla vegetazione in uno stato di degrado generale, da circa un anno Forte Sofia è stato finalmente recuperato e restituito alla comunità. Per presentare il percorso di riqualificazione compiuto ed i progetti futuri, il forte è stato protagonista sabato del "Festival Mura Sostenibili".

Il lupo, a rischio estinzione, è tornato a ripopolare la Lessinia ma tornano anche le polemiche sui danni causati nei giorni scorsi ad un allevamento in Lessinia. Una situazione che "va gestita con la testa e non con la pancia": ecco l'intervento del presidente di Legambiente Verona.

Martedì, 05 Agosto 2014 16:55

Sacrificati i platani di via Galliano

Inizio di settimana difficile per i veronesi, che lunedì si sono ritrovati dalle prime ore del mattino in Via Galliano per tentare ancora una volta di fermare l'abbattimento di numerose piante sane e vigorose di platano, presenti da decenni nella circollavazione vicino al centro di Verona. Ma non c'è stato niente da fare: la loro fine è stata segnata per far spazio ad una corsia di scorrimento del traffico.

Continua a far discutere il progetto della pista ciclo-pedonale che collegherà Brenzone a Limone del Garda e che passerà per un tratto lungo il territorio di MalcesineIn un'assemblea pubblica mercoledì scorso il sindaco Benamati ha illustrato ai cittadini i dettagli del progetto che, come abbiamo già spiegato in un precedente articolo, prevede l'eliminazione di 45 magnolie.

Un progetto di conservazione e salvaguardia di un'importante e preziosa specie di mammiferi, i pipistrelli (o chirotteri). Se ne sta occupando l'associazione "All'Ombra del Forte", che collabora alla valorizzazione del Forte di S. Briccio nel territorio di Lavagno, nella provincia est di Verona.

Mercoledì, 16 Luglio 2014 09:51

Con Legambiente Verona al Bastione S. Francesco

Venerdì 18 a partire dalle 19 i volontari di Legambiente Verona inaugureranno i lavori di recupero del Bastione di S. Francesco. L'abusivismo edilizio ne aveva quasi cancellato le tracce.

In pieno centro a Villafranca di Verona si trova un gioiello ambientale: il Giardino naturale Magenta. Da venti anni se ne occupa l'associazione di volontariato Avsa (Associazione Volontaria Salvaguardia Ambientale) e nel tempo si è trasformato in un vero e proprio orto botanico, con erbe officinali, alberi autoctoni e fiori di campo.

È tornata sul Garda la Goletta dei Laghi, la campagna nazionale d'informazione scientifica di Legambiente, e l'esito del monitoraggio sulla sponda veneta è ancora una volta negativo. Su sette punti esaminati, quattro sono risultati fortemente inquinati e uno inquinato.

Sacrificare 45 magnolie per far posto ad una nuova pista ciclabile. Sembra a tutti gli effetti un controsenso, ma è quello che rischia di accadere a Malcesine, per l'intenzione dell'amministrazione di intervenire sulla centrale via Roma, dove da oltre 30 anni sono presenti queste piante che rappresentano ormai un simbolo storico del paese.

Il Veneto sale al decimo posto per numero di crimini ai danni dell'ambiente, più in alto di una posizione rispetto al 2013.È quanto emerge dall'annuale rapporto Ecomafie di Legambiente, che è stato presentato in semi-anteprima il 16 giugno a Zevio con la partecipazione degli autori Antonio Pergolizzi e Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto.

Una nuova grande opera incombe su Veneto, Lombardia e Trentino. È il progetto dell'Alta Velocità/Alta capacità Ferroviaria da Milano a Verona e poi da qui al Brennero. Nelle vicine Brescia e Trento sono attivi comitati locali che si oppongono alla sua realizzazione e che stanno organizzando numerosi eventi di sensibilizzazione sul territorio.

Un albergo, un centro commerciale ed un nuovo complesso residenziale. Il progetto di recupero dell'ex lanificio Tiberghien, a Verona Est, sta ricevendo molte critiche, perché continua a portare avanti un approccio orientato alla cementificazione e alle grandi superfici commerciali che danneggiano i piccoli esercenti, nonostante i tempi di crisi dell'immobiliare e delle vendite.

Diminuire il traffico in viale Colonnello Galliano creando una nuova corsia di scorrimento per permettere la svolta verso Porta San Zeno a chi proviene da Porta Palio. È con questo intento che l'assessore alla Mobilità di Verona Enrico Corsi vuole abbattere quindici platani quasi centenari. Ma il presidente di Italia Nostra Giorgio Massignan non ci sta, e attacca la Giunta.

Il progetto da oltre 50 milioni di euro per la realizzazione di una funivia tra Castelletto e Prada e di un porto turistico ad Acquafresca, nel comune di Brenzone sul Garda, è tornato protagonista martedì sera durante un'affollata assemblea pubblica organizzata da Oscar Simonetti, agricoltore di Campo, con la partecipazione dei circoli locali di Legambiente Verona e Italia Nostra (in rappresentanza anche del Wwf Veneto).

Si è svolta con successo sabato 17 maggio la manifestazione per le vie di San Martino Buon Albergo per chiedere alla commissione V.i.a. (Valutazione Impatto Ambientale) di non approvare l'ampliamento dell'impianto Adige Ambiente a Ca' Vecchia. Disponibile online l'appello da spedire alla Commissione e alla Regione Veneto.

Inizia oggi la stagione balneare sul Lago di Garda: nonostante le piogge qualche turista coraggioso ha già tentato il primo bagno. Ma come conoscere la qualità delle acque del nostro lago, il più esteso d'Italia con la sua superficie di 368 km2, meta di numerosi visitatori durante la stagione estiva?

Le tre principali associazioni ambientaliste veronesi sono unite contro il nuovo progetto che prevede la realizzazione di un impianto di risalita Castelletto-Prada, con relativi parcheggi e nuovi snodi e intersezioni con la SR gardesana, oltre ad un nuovo porto a Brenzone per 200 imbarcazioni.

Esplorando molte zone di Verona e provincia, non è raro imbattersi in edifici abbandonati e pericolanti. Passeggiando per le Torricelle ad esempio può capitare di trovarsi davanti l'edificio che ospitava un tempo il tiro al piattello: un esempio di degrado cittadino in una zona splendida del nostro territorio. Il reportage della nostra Mariagrazia Semprebon.

Investire sulla protezione dell'ambiente e su politiche sociali legate ai territori, utilizzando i fondi risparmiati dal disarmo e dalle mancate spese militari. Lo ha chiesto a gran voce un'Arena di Pace gremita di oltre 13.000 persone da tutta Italia e di ogni età, riunite venerdì 25 aprile scorso insieme alle più diverse associazioni, non solo religiose e pacifiste.

Giovedì, 17 Aprile 2014 14:00

Scempio a Caprino, bosco raso al suolo

Nuovo disboscamento nel territorio veronese. Questa volta a farne le spese è il comune di Caprino, dove sono stati tagliati gli alberi che circondavano Villa Magda, in centro paese adiacente a piazza Vittoria.

Un progetto di valorizzazione turistica che rischia di devastare una delle zone più incontaminate e caratteristiche dell'intero territorio lacustre, quello di Brenzone del Garda. È partita in questi giorni una raccolta firma urgente per cercare di fermare questa nuova cementificazione.

Pm10 alle stelle, con medie due volte superiori ai limiti di legge. È questo il risultato dei dati rilevati nei tre giorni scorsi a Verona dalla campagna Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane (vedi articolo correlato), presentati questa mattina in conferenza stampa.

E' nata da pochi giorni la piattaforma ReteValpolicella, un'area digitale attraverso la quale mettere in sinergia i diversi movimenti e le associazioni attive per la protezione di questo territorio particolarmente a rischio.

La proposta è stata lanciata qualche settimana fa dal Movimento Decrescita Felice (MDF) di Verona e dall'associazione per l'agricoltura biologica Terra Viva ed è stata accolta favorevolmente dal territorio. Si tratta di un'opportunità per fermare il degrado della Valpolicella. Anche VeronaGreen è in prima linea.

 

Le falde acquifere tra Vicenza e Verona sono inquinate. Lo hanno confermato i principali esperti in materia chiamati a partecipare alla serata pubblica che si è tenuta il 25 febbraio scorso a Cologna Veneta per informare la popolazione su questo grave problema, anche in seguito agli articoli apparsi negli ultimi mesi sulla stampa locale.

La qualità dell'aria a portata di smartphone. Grazie alla nuova applicazione di Arpav (l'Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto) che permette di visualizzare le informazioni sui principali inquinanti rilevati dalla centralina della rete più vicina all'utente.

Si salva solo il centro città. Mentre sono molti i comuni della provincia di Verona le cui falde sono a rischio inquinamento. È quanto emerso dal convegno "Lo stato delle acque in provincia di Verona" che si è tenuto sabato nella sede dell'Ater, organizzato dalle associazioni Legambiente, Terra Viva e Il Carpino.

Martedì, 14 Gennaio 2014 13:05

Misure antismog estese ai diesel Euro 2

Il sindaco di Verona si adegua finalmente alla "completa adozione delle azioni emergenziali per il contenimento dell'inquinamento" sollecitata dalla Provincia. Le limitazioni alla circolazione per i veicoli non catalizzati vengono quindi estese anche alle autovetture diesel Euro 2.

Martedì, 10 Dicembre 2013 20:08

A Malcesine arrivano gli Ecovolontari

Promuovere una nuova cultura ambientale nella comunità, coinvolgendo cittadini, associazioni e aziende nella tutela e valorizzazione del territorio. Nasce con questo intento il progetto Ecovolontari di Malcesine, che è stato presentato ieri sera nella sede del Comune.

"Siamo riusciti a rimandare la delibera per un mese, ma alla fine ieri sera il voto è passato". Commenta così con amarezza l'esito dell'ultimo Consiglio comunale di Verona Damiano Fermo, consigliere del Pd che abbiamo sentito al telefono. Il progetto di area commerciale di 8.500 metri quadri nell'area antistante la Fiera, promosso dal vicesindaco e assessore all'Urbanistica Vito Giacino, vedrà quindi la luce.

Giovedì, 14 Novembre 2013 23:12

Parco delle Mura, premio alla valorizzazione

Si è classificato 4° su oltre 500 partecipanti il progetto di Legambiente Verona per "Il Parco delle Mura", che ha preso parte al concorso ARS, Arte che realizza occupazione sociale, promosso dalla Fondazione Italiana Accenture.

Martedì, 12 Novembre 2013 01:05

Acqua, sulla audizione pubblica a Verona

Un'esperienza nata dal basso, di ascolto di proposte, che ha permesso la discussione su un tema fondamentale come quello dell'acqua. Si tratta delle Audizioni Pubbliche Regionali APRA, il cui terzo incontro si è svolto a Verona il 14 ottobre scorso. Vi presentiamo il Report con le conclusioni scritte, pubblicato da pochi giorni.

Giovedì, 07 Novembre 2013 23:23

Nuova area commerciale in Fiera, voto rimandato

Ancora un niente di fatto per il progetto del nuovo centro commerciale che dovrebbe sorgere di fronte alla Fiera di Verona. Il tema è stato nuovamente affrontato in Consiglio Comunale ieri, mercoledì 6 novembre, ma la seduta è stata sospesa al momento del voto.

"Vanno individuate le fonti di contaminazione e indicati nei piani di gestione dei bacini idrografici le misure per migliorare lo stato delle acque". Risponde così il Commissario all'Ambiente Janez Potočnik all'interrogazione dell'eurodeputato Andrea Zanoni che aveva portato in Europa il caso di inquinamento da tetracloroetilene (PCE) verificatasi a Negrar e Poiano.

Giovedì, 07 Novembre 2013 20:06

Paura a Grezzana. "Dove sono le autorità?"

Enormi voragini nel terreno, profonde fino a 50 metri e larghe 30. È l'angosciante fenomeno che si sta verificando a Grezzana in corrispondenza delle cave estrattive sotterranee e che sono state visitate ieri, mercoledì 6 novembre, dall'eurodeputato Andrea Zanoni.

È uscito da pochi giorni il rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano 2013. Nella classifica della qualità ambientale delle grandi città, Verona risulta quarta dopo Venezia, Bologna e Padova. Ma considerando i 25 indicatori analizzati, la media è bassa, pari a 51,64 per cento: non raggiunge cioè nemmeno la sufficienza su un punteggio massimo di cento. Vediamo insieme in dettaglio i risultati.

La commissione regionale Via (valutazione impatto ambientale) ha espresso parere favorevole, lo scorso 23 ottobre, al progetto di completamento presentato della Rotamfer, gestore della discarica; voto che potrebbe portare alla riapertura del sito. Viene così smentito il parere contrario espresso dal Comune di Sona nel consiglio comunale del 18 ottobre.

Martedì, 29 Ottobre 2013 13:26

Preoccupa una nuova area commerciale in Fiera

Il progetto di un nuovo centro commerciale di 8500 mq di fronte alla Fiera di Verona è per il momento fermo. La delibera è stata presentata al Consiglio Comunale di giovedì scorso, 24 ottobre, ma al momento del voto è mancato il numero legale per far passare la proposta.

Sprecata, poco rispettata, gestita in maniera poco responsabile. È l'acqua, che è stata protagonista di un'intensa e dibattuta serata a Pescantina, organizzata dal gruppo locale del Movimento Cinque Stelle e moderata da Eliana Rapisarda di Veronagreen.it, in cui esperti dell'argomento hanno analizzato la tematica sotto molteplici punti di vista, dando vita ad un incontro molto partecipato.

Mercoledì, 02 Ottobre 2013 11:53

Nuovo cemento anche a San Pietro In Cariano

Cinquecento nuovi appartamenti per un totale di 135 mila metri cubi di cemento. Si tratta del nuovo progetto edilizio sull'area ex Lonardi a San Pietro In Cariano, approvato il 30 settembre dopo un acceso dibattito in consiglio comunale.

Lunedì, 23 Settembre 2013 00:27

Il comitato Pestrino-Palazzina non si arrende

Continuano le proteste contro le cementificazioni nella provincia di Verona. Lunedì 23 settembre è tornata protagonista la questione di Pestrino-Palazzina, con un'assemblea pubblica nella sala civica di Palazzina.

Giovedì, 19 Settembre 2013 14:03

Una passeggiata per salvare la Valpolicella

Sabato 21 settembre 2013 dalle 15 il Comitato Salva Arbizzano organizza una passeggiata tra le ville venete che arricchiscono il paesaggio della zona est di Arbizzano e che sono minacciate dal Piano delle nuove lottizzazioni già approvato dal Comune di Negrar.

Mercoledì, 18 Settembre 2013 00:00

Parco Naturale di Pontoncello, domenica di festa

Sarà inaugurato domenica 22 settembre il "Parco Naturale di Pontoncello", l'importante zona naturalistica di 400mila metri quadrati in riva all'Adige appartenente ai Comuni di San Giovanni Lupatoto, Zevio e San Martino Buon Albergo. Ecco cosa è emerso dalla conferenza stampa di presentazione.

Lunedì, 09 Settembre 2013 14:51

Arbizzano, nuovo cemento? Comitato in rivolta

Lunedì 9 settembre ad Arbizzano, in una sala polifunzionale piena di cittadini richiamati dalla scottante tematica, si è discusso delle nuove lottizzazioni autorizzate dal nuovo Piano degli Interventi del Comune di Negrar.

Venerdì, 06 Settembre 2013 11:28

Valpolicella: territorio, cemento e malaffare

Passata da 35.000 a 70.000 abitanti in pochi decenni, la Valpolicella ha subito e sta subendo un processo di banalizzazione che sembra inarrestabile. Le bellezze naturali, i dolci paesaggi, i piccoli borghi stanno annegando in una Negrarizzazione diffusa. Il paesaggio, l’agricoltura tradizionale con vigneti e uliveti vengono compromessi. 
 
Venerdì, 30 Agosto 2013 00:00

Negrar, acqua inquinata? Sindaco minimizza

Non bevete l’acqua di Negrar, è inquinata. È questo l’allarme lanciato il 29 luglio dal Comune con un’ordinanza che segnalava un aumento delle concentrazioni di solventi chimici (tetracloroetilene) nell’acqua potabile, a seguito di una contaminazione della falda in località Terminon di Arbizzano.

La popolazione è sul piede di guerra per il progetto di un impianto a biomasse che dovrebbe sorgere sul territorio di San Pietro in Cariano, che non avrà vita facile. 

Azienda

Eventi

Rubrica: Medicina naturale

Video

  • Il video ufficiale del Verona Green Festival 2015!