Mercoledì, 12 Luglio 2017 19:43

Estate spensierata: il kit omeopatico da mettere in valigia

Come affrontare con l’Omeopatia i più frequenti disturbi estivi e tornare a goderti le vacanze.

a cura di Dott.ssa Anna Artuso, Medico Chirurgo Specialista in Ematologia e Omeopatia

 

Sole, mare e ombrellone ti aspettano? Stai preparando lo zaino per un trekking in montagna? Sei in partenza verso una meta lontana ed esotica? Non lasciare che mal di gola o altri fastidiosi imprevisti interferiscano con la tua vacanza. Ecco alcuni dei più comuni disturbi estivi ed i rimedi omeopatici da mettere in valigia per affrontarli e continuare a goderti un meritato riposo.


Quando il sole è troppo
A chi non è capitato di esagerare con la tintarella e ritrovarsi a dover gestire un eritema solare magari proprio i primi giorni di vacanza? Ricorda sempre di esporre gradualmente la tua pelle al sole utilizzando un adeguato fattore di protezione. I raggi UVA infatti invecchiano la pelle e gli UVB possono produrre scottature. Se nonostante questi accorgimenti compare l’eritema puoi aiutare la tua pelle applicando 2-3 volte al giorno su cute asciutta una crema a base di calendula che ha azione idratante e lenitiva.


Se la macchina è un problema
Spesso, soprattutto per i più piccoli, il mal d’auto è un fastidioso compagno di viaggio. La chinetosi può causare nausea, vomito, vertigini e una sgradevole sensazione di malessere generale. Come prevenirla? Il giorno prima della partenza e durante il viaggio si può assumere il rimedio omeopatico Coccolus Indicus 9 CH: mattina e sera alla vigilia della partenza e poi anche ogni 1-2 ore durante il viaggio in base all’entità dei sintomi.


Quando il mal di gola si fa sentire*
L’aria condizionata è il nemico numero uno per la salute della nostra gola. Cosa fare se compare quella fastidiosa sensazione di “grattuggia” quando deglutisci? Puoi utilizzare la tintura madre di Calendula (10 gocce diluite in mezzo bicchiere d’acqua) per fare sciacqui orali e sfruttare così le sue proprietà antinfiammatorie. In alternativa puoi usare la propoli che è altrettanto efficace come antinfiammatorio. Anche l’Omeopatia può venirti in aiuto: i rimedi che più frequentemente consiglio in questi casi sono Belladonna, utile quando il mal di gola si accompagna a febbre alta e le tonsille sono arrossate e dolenti con sete d’acqua fredda oppure Mercurius Solubilis quando compare la cosiddetta tonsillite a placche. In entrambi i casi la diluizione da utilizzare è la 9 CH per 3-5 volte al giorno in base all’intensità dei sintomi.


Quel fastidioso bruciore intimo*
L’Estate è il periodo in cui più frequentemente, soprattutto per le donne, compare la cistite. Complici il caldo, la disidratazione, l’irritazione locale dovuta a sabbia e costume bagnato, spesso le vacanze vengono disturbate da questo fastidioso malessere. Cosa fare? Per prevenirla è utile bere molto, mangiare abbondante frutta e verdura ed evitare i cibi troppo raffinati. Se la cistite si presenta comunque e non è accompagnata da febbre o dolori lombari, l’Omeopatia, da sola o in associazione con l’antibiotico, può aiutarti a risolverne efficacemente i sintomi. Cantharis 9 CH è il rimedio che più spesso consiglio, da assumere 3-5 volte al giorno a seconda dell’intensità dei disturbi. Sono inoltre utili per prevenire recidive: l’assunzione di integratori probiotici chiamati più comunemente fermenti lattici e l’utilizzo di estratti fitoterapici di Ribes Rosso o Rosa Canina che hanno un’azione antinfiammatoria.


Quando l’intestino è sottosopra*
Il cambio di alimentazione può causare qualche disturbo intestinale, soprattutto se la tua è una meta esotica e lontana. Per prevenire questo spiacevole inconveniente la settimana prima della partenza e poi durante l’intera durata del viaggio è utile preparare l’intestino assumendo un integratore probiotico. Se compare la diarrea il primo consiglio è quello di reintegrare i liquidi bevendo molta acqua. Per aiutare l’intestino a contrastare l’infezione, in associazione ad un eventuale terapia antibiotica, puoi accelerare la guarigione con l’assunzione di propoli che ha proprietà antinfiammatorie ed aiutare il tuo intestino a ritrovare la sua regolarità con il rimedio omeopatico Colocinthys 9 CH 3-5 volte al giorno a seconda dell’intensità dei sintomi.


Se gli occhi bruciano
Può capitare soprattutto al mare, complici sabbia e acqua salata, che compaia un fastidioso rossore congiuntivale. Per l’irritazione oculare consiglio un collirio a base di Euprashia o Camomilla, utile in caso di bruciore, arrossamento, secchezza congiuntivale o in caso di sensazione di corpo estraneo. Ne bastano 2-3 gocce mattina e sera.


Stop a punture di insetti e piccole irritazioni cutanee
Quando si trascorre più tempo all’aria aperta è inevitabile incontrare qualche fastidioso insetto. In caso di puntura, irritazione da piante urticanti o se ti capita un incontro ravvicinato con una medusa è utile assumere il rimedio omeopatico Apis Mellifica 9 CH, 2-3 granuli anche ogni mezz’ora fino alla scomparsa dei sintomi.


In caso di piccoli traumi e contusioni
In vacanza si trascorre molto più tempo all’aria aperta dedicandosi ad attività sportive e non. E’ quindi più facile che capiti qualche piccolo inconveniente. Come ho spiegato nell'articolo di giugno, sono molti i rimedi omeopatici che possono aiutarti ad affrontare piccoli traumi e contusioni. Il rimedio che utilizzo di più è Arnica Montana: sia sotto forma di pomata o gel da applicare localmente su cute integra, sia come rimedio Omeopatico alla diluizione di 9 o 30 CH per favorire il riassorbimento dell’ematoma o dell’edema in caso di trauma. Ti consiglio inoltre di avere sempre a portata di mano anche la tintura madre di Calendula da utilizzare come disinfettante: possiede infatti proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti.

 

Quest’estate fatti trovare pronto! Quando prepari la valigia, trova un angolino dove tenere a portata di mano un piccolo kit di pronto soccorso omeopatico. Puoi personalizzarlo in base alle tue esigenze e alla meta delle tue vacanze. Questi sono i principali rimedi omeopatici di cui ho parlato nell’articolo ed i disturbi per cui possono essere utilizzati:

 

- Pomata a base di Arnica: applicazione locale su cute integra per botte, ecchimosi ed ematomi
- Calendula Officinalis tintura madre: disinfettante per ferite e abrasioni anche su cute non integra, diluito in acqua come colluttorio in caso di mal di gola
- Integratori probiotici (fermenti lattici) da assumere per prevenire o trattare la diarrea
- Propoli utile come antifiammatorio in caso di disturbi intestinali o mal di gola
- Arnica Montana 30 CH granuli per botte, ecchimosi, ematomi e affaticamento muscolare
- Apis Mellifica 9 CH granuli per il prurito da punture di insetto e per le irritazioni cutanee
- Coccolus Indicus 9 CH granuli per il mal d’auto
- Cantharis 9 CH granuli per la cistite
- Belladonna 9 CH granuli o Mercurius solubilis 9 CH granuli per il mal di gola
- Colocinthys 9 CH granuli in caso di diarrea
- Collirio a base di Euprashia o Camomilla per l’arrossamento e il bruciore oculare

 

Con l’augurio di un’estate davvero spensierata!

 

* Le informazioni di argomento medico fornite in questo articolo sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto in alcun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire la consulenza da parte di un Medico abilitato.

 

Bibliografia:
Gestione del Simillimum Omeopatico. Luc De Schepper, Ed. Salus Infirmorum.
Manuale guida ai sintomi chiave e di conferma. Roger Morrison, Ed. Galeazzi Editore

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.